Sintomi gravidanza primi giorni: alla ricerca di un bebè

quali sono i sintomi di una gravidanza

Sintomi gravidanza primi giorni, quali sono? Scopriamolo insieme per capire se il bebè sta arrivando.

Spesso noi mamme ancor prima di fare il test sappiamo già di essere incinta (a me è successo così).
Vediamo però quali sono i sintomi che ci possono aiutare a capire se realmente sta crescendo qualcosa dentro di noi.

Sono tantissimi i sintomi che potrebbero farci capire che siamo incinta.

Scopriamone alcuni insieme:
Macchie di sangue: possono verificarsi dai 6 ai 12 giorni dopo la fecondazione e sono dovuti all’attaccamento alla parete uterina dell’ovulo fecondato. Può essere uno dei primi sintomi della gravidanza. Circa i 5-8 giorni dopo il concepimento, l’embrione si impianta nella parete uterina. Alle perdite possono essere associati dei doloretti simil mestruali. Non tutte osservano queste perdite, anzi spesso sono l’eccezione e non  la norma. Ci sono altri motivi che possono causare spotting intra-ciclo e sono rappresentati dalle perdite che anticipano le mestruazioni, oppure possono essere dovute alla rottura di qualche capillare, a piccole abrasioni o anche ad infezioni. Quindi se non è in corso una gravidanza è sempre bene riferire al medico se si manifestano perdite di sangue senza motivi particolari. .
Crampi: anche questi si verificano nella prima settimana soprattutto, e sono dovuti all’attaccamento dell’ovulo fecondato alla parete dell’utero
Mal di testa: gli sbalzi ormonali possono causare grandi mal di testa
Umore ballerino: gli ormoni condizionano molte sensazioni, tra cui improvvisi sbalzi di umore, irritabilità e forte emotività, già dai primi giorni
Dolori articolari emal di schiena
Bruciore di stomaco: causata da una iper-sensibilità a certi cibi
Perdite vaginali biancastre: l’addensamento delle pareti vaginali determina delle perdite anche abbondanti di un liquido biancastro
Cloasma
Appetito altalenante: gli sbalzi ormonali dei primi giorni e delle prime settimane provocano improvvisi appetiti o improvvise antipatie per certe pietanze

Olfatto improvvisamente sviluppato: gli ormoni condizionano anche la reazione agli odori, che può essere esagerata, con odori apparentemente innocui che danno molto fastidio

Mestruazioni in ritardo
Quando il ciclo mestruale non si presenta, scatta l’allarme. Sarò incinta? E’ possibile, ma anche no. Le mestruazioni in genere si presentano circa un paio di settimane dopo l’ovulazione e se per qualche motivo quest’ultima è avvenuta in ritardo,  anche le mestruazioni seguiranno il ritardo a ruota. Pertanto è sempre ben fare attenzione ai sintomi dell’ovulazione per capire sia quando mirare i rapporti, sia quanto aspettare per attendere le mestruazioni e quindi avere anche un ‘idea di quando sarà possibile effettuare il test se queste non si presentano.
Le mestruazioni si presentano anche in caso di gravidanza?
In alcuni casi può succedere di registrare un leggero spotting o una pseudo-mestruazione, anche in caso di gravidanza appena instaurata. Si tratta di poche macchie  e non il solito flusso. Se pertanto il ciclo che arriva ha una consistenza diversa ed è molto ma molto scarso rispetto al solito, non c’è il normale flusso e termina subito, allora si può sospettare una gravidanza
Ci sono altri motivi per cui le mestruazioni non si presentano?
Si, ad esempio perchè per qualche motivo si è ovulato dopo , o non si è ovulato affatto;  oppure per qualche scompenso ormonale dovuto a vari fattori come lo stress, un cambiamento nelle abitudini , un forte dimagrimento e così via.
Anche se si è interrotta la pillola da poco il ciclo potrebbe faticare a ritornare e questo perchè il nostro organismo ci mette un po’ per ritrovare i ritmi  pre-pillola.3

Aumento volume seno: le taglie aumentano, i capezzoli cambiano
La tensione al seno, e un seno più pieno, sono uno dei primi sintomi della gravidanza. Nel mio caso  ad esempio mi ha fatto sospettare la gravidanza ancora prima del ritardo delle mestruazioni.
E’ normale avere un po’ di tensione al seno dopo l’ovulazione , per effetto del progesterone che viene prodotto dal corpo luteo dopo la liberazione della cellula uovo. La produzione di progesterone aumenta in caso di gravidanza, dopo l’impianto dell’embrione nell’utero. Pertanto è possibile provare una maggior tensione al seno già dopo 1-2 settimane dal concepimento.
Ovviamente la gravidanza non è l’unica responsabile dei un seno pià sensibile e gonfio. Può essere dovuta all’assunzione della pillola anticoncezionale, a qualche problemino ormonale o semplicemente  alla  sindrome premestruale.
Anche i capezzoli possono subire dei cambiamenti: le areole infatti  possono diventare più scure. I tubercoli del Montogomery possono si diventare più evidenti ma a gravidanza inoltrata, nel secondo trimestre in genere .

Recommended Posts

2 Comments

  1. Ciao!io sono a 6settimane+3giorni. Ieri sera e qualcosa un pochino oggi pomeriggio ho avuto delle piccole macchioline scure sugli slip….è normale??o dovrei andare al ps?Ho la prima eco il 20 maggio…..

    • Alcune perdite possono essere normali ti consiglio cmq di chiedere al ginecologo per stare tranquilla:) In bocca al lupo


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *