Arvida Bystrom: la nuova testimonial di Adidas

Arvida Bystrom

Arvida Bystrom è la nuova testimonial del marchio Adidas, diventata celebre per essere la prima modella che non si depila.

Arvida Bystrom da anni si batte contro i pregiudizi legati al genere, organizzando campagne e iniziative sui social.
Il marchio sportivo Adidas, aspramente criticato per questa scelta, ha affermato di aver voluto Arvida Bystrom come testiomonial in quanto incarna un’icona di domani, capace di far sentire la sua voce nel variegato mondo del web.
La fotografa svedese anche in passato ha realizzato diversi progetti e iniziative che hanno scatenato polemiche:

  • un video in cui faceva sesso con un collega davanti ad una telecamera.
  • un libro in cui ha raccolto alcune foto che sono state cancellate dal suo profilo Instagram, parte del suo modo di esprimersi e della sua arte.

In ogni caso basta visitare il suo profilo Instagram per comprendere meglio il suo modo irriverente ed anticonformista di esprimersi.

La sua scelta di non depilarsi è dettata dalla volontà di riscoprire la propria libertà senza seguire gli standard di bellezza imposti dalla società.
In un’intervista ha affermato:

“Penso che il femminismo sia un concetto culturale. Chiunque può essere femminile, fare cose da donna e forse la società ha paura di questo”.

La campagna pubblicitaria ha scatenato non poche polemiche, compresse minacce indirizzate alla povera Arvida Bystrom, che è stata addirittura minacciata di morte sul web a causa della sua scelta radicale.

Arvida Brystom #superstar

La nuova campagna #superstar dedicata alle ‘icone di domani’, che ha visto come testiomonial una fotografa svedese che ha scelto di non depilarsi, ha creato un forte scompiglio.

La 25enne è apparsa in foto con i peli sulle gambe e con indosso un paio di scarpe Adidas, un modello degli anni ’80 rivisitato in chiave moderna: nonostante la multinazionale porti avanti il ‘no alla depilazione’ come un vero e proprio cavallo di battaglia, sul web la scelta ha causato la reazione del popolo dei social.
La stessa rivoluzionaria svedese ha scritto sul suo profilo Instagram:

“Sui social ho ricevuto molti commenti pieni d’odio e minacce di stupro via email, non riesco nemmeno a immaginare cosa voglia dire cercare di resistere in questo mondo senza avere tutti i privilegi che ho io”.

 

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.