Pausa pranzo a lavoro: è obbligatoria? A chi spetta? Quanto dura?

pausa-pranzo-a-lavoro

La pausa pranzo a lavoro: tutto ciò che c’è da sapere!

La pausa pranzo a lavoro è obbligatoria per tutti i lavoratori che hanno un impiego giornaliero superiore alle 6 ore. Per legge essa non può essere inferiore ai 10 minuti.

Il datore di lavoro può stabilire la collocazione oraria e la durata della pausa pranzo del lavoratore, ma deve sempre e comunque attenersi alle normative di legge le quali stabiliscono che la pausa pranzo dev’essere obbligatoriamente riconosciuta al dipendente per la durata di almeno 10 minuti!

Entriamo nello specifico

Per un impiego part time inferiore alle 6 ore, la legge non prevede per i lavoratori alcuna pausa pranzo. Ma un datore di lavoro può comunque decidere di concederla al dipendente!

Ma per tutti coloro che svolgono un’attività lavorativa superiore alle 6 ore, l’articolo 8 del D.Lgs 66/2003 stabilisce che: “Quando l’orario di lavoro eccede il limite di sei ore, il lavoratore deve beneficiare di un intervallo per pausa le cui modalità e la cui durata sono stabilite dai contratti collettivi di lavoro ai fini del recupero delle energie psicofisiche e dell’eventuale consumazione del pasto al fine di attenuare il lavoro monotono e ripetitivo”.

La circolare 8/2005 del Ministero del Lavoro ha inoltre chiarito che per il lavoratore non è assolutamente possibile rinunciare alla pausa pranzo, neppure nel caso in cui il datore di lavoro offrisse un compenso aggiuntivo allo stipendio. La pausa pranzo a lavoro è obbligatoria e non può essere sostituita con compenso alcuno.

 

La pausa pranzo è retribuita o no?

Solitamente la pausa pranzo non è retribuita, specie se il datore di lavoro concede più di 30 minuti, ma ci sono comunque delle situazioni specifiche.

Ad esempio, se si tratta di uno spezzato, la pausa pranzo non è retribuita! Ma al contrario, se l’orario di lavoro è continuato, quei 10 minuti non faranno alcuna differenza sullo busta paga.

pausa-pranzo-a-lavoro

 

La pausa pranzo è compresa nella retribuzione nel caso in cui l’orario lavorativo è continuativo ad esempio dalle 09.00 alle 17.00.

Al contrario se si tratta di uno spezzato con start alle ore 09.00 alle 13.00 e poi dalle 15.00 alle 19.00, il lavoratore ha diritto a due ore di pausa pranzo ma in questo caso non retribuite.

Ci sono poi aziende che durante la pausa pranzo offrono ai dipendenti persino un servizio mensa all’interno dell’azienda stessa. Se l’azienda in questione non dispone di mensa può stringere un accordo con una mensa esterna (anche un ristorante) oppure riconoscere ai dipendenti dei buoni pasto.

 

Conoscere i propri diritti è importante!

 

Pantaloni neri: il passe-partout di ogni donna!

i-pantaloni-neri

I pantaloni neri fanno parte della categoria “mai senza” di tutte le donne!

I pantaloni neri sono indiscutibilmente il capo salva-look per eccellenza!

Il “mai senza” di ogni donna, il passe-partout per tutte le stagioni, l’alleato perfetto per ogni occasione: il pantalone nero!

Diciamoci con tutta onestà che Coco Chanel che negli anni ’40 lanciò la moda del pantalone per le donne, ha reso felice l’intero genere femminile di quei tempi e tutte le sue generazioni future fino ai nostri giorni!

Perché i pantaloni neri sono così tremendamente utili e sempre alla moda?

Dunque…le risposte potrebbero essere infinite: sono versatili, adatti a tutte le donne, non importa l’età, né lo stile di una donna o la sua conformazione fisica, ci sarà sempre un pantalone nero perfetto per te o per la tua occasione speciale.

Io vi confido che alcuni pantaloni neri di ottima qualità acquistati circa una decina di anni fa, sono ancora nel mio armadio, in primis per le loro condizioni perfette e poi perché hanno lo stesso fascino di quando li ho acquistati!

i-pantaloni-neri

Il pantalone nero ti salva la vita

Quando non si ha la minima idea di cosa indossare per una serata speciale o un’occasione importante, è sempre il pantalone nero quello che ci salva la vita. Basterà sceglierne uno dritto o a zampa, abbinarlo ad una camicetta elegante in seta e ad un tacco più o meno importante, e l’outfit è pronto per essere sfoggiato.
Sfoggiare un pantalone nero è sempre una buona idea. In un attimo con uno stesso pantalone nero è possibile ricreare diversi look:
con un blazer e una camicia è subito outfit perfetto per il lavoro d’ufficio o anche per un colloquio di lavoro ; con un felpa ed un paio di sneakers per un look casual e quotidiano; con una camicetta elegante per un’uscita serale!
i-pantaloni-neri

Modelli 2020

I modelli su cui orientarsi quest’anno sono davvero tantissimi, dai pantaloni neri classici a sigaretta, a quelli a palazzo, con o senza zip, con bottoni, spacchi o catene per un look un pò più strong. Insomma sicuramente tutta questa varietà di stili e modelli ci indugerà a comprare una caterva di pantaloni neri, perché scegliere sarà davvero difficile e perché si sa, di pantaloni neri non se ne hanno mai abbastanza !
Ecco un elenco dei modelli più in per il prossimo 2020:
  • a palazzo;
  • a vita alta;
  • a vita bassa;
  • con bottoni;
  • con cintura;
  • a campana;
  • con spacchi;
  • scampanati;
  • ampi;
  • wide leg!
E sicuramente ne avrò tralasciato qualcuno!
E voi quale pantalone nero preferite?

Cos’è l’adozione a distanza? Tutto ciò che c’è da sapere!

cos'è l'adozione a distanza

Cos’è l’adozione a distanza? Come funziona? E quali sono i requisiti? Ecco una breve guida !

Nel 2019 le famiglie che intraprendono la strada dell’adozione a distanza sono sempre più numerose, ma cos’è l’adozione a distanza? Questa è la domanda che molti si pongono prima di prendere tale decisione!

Per togliervi ogni dubbio a riguardo, vi consiglio di leggere questo articolo, alla fine della lettura avrete sicuramente le idee più chiare!

L’adozione a distanza è un gesto d’amore che può cambiare radicalmente la vita per chi è in difficoltà. Questo metodo di adozione consente ai bambini meno fortunati di sopravvivere e intraprendere un percorso di studi.

Ma cos’è l’adozione a distanza? Come si può adottare un bambino?

cos'è l'adozione a distanza

 

Come attivare un’adozione a distanza?

È giusto sapere che chiunque abbia voglia di adottare un bambino, può farlo, l’importante è essere maggiorenni e garantire di mantenere l’impegno preso abbastanza a lungo. Per lungo si intende un minimo di 3 anni, in modo tale da permettere al bambino di iniziare e concludere un ciclo di studi. Ci sono tantissime associazioni a cui affidarsi per sostenere un bambino da lontano.

Per attivare l’adozione è necessario chiamare l ‘organizzazione che si è selezionata, oppure scrivere loro un’email o mandare il form sul sito (anche se questa procedura richiede più tempo).

cos'è l'adozione a distanza

Le opzioni (quindi i metodi di pagamento) per l’adozione sono essenzialmente 3:

  • Bonifico diretto da conto corrente, con attivazione Sepa;
  • Carta di credito;
  • Bollettino postale!

La cadenza la puoi scegliere tu! Su questo non c’è alcun obbligo, si può decidere di contribuire annualmente, mensilmente o bimestralmente.

L’adozione a distanza si attiverà subito dopo il primo pagamento, in genere ci vogliono circa 24 ore.

 

Diventare genitori a distanza

Una volta effettuato il primo pagamento, si diventa a tutti gli effetti genitori a distanza. Le prime informazioni a riguardo del bambino adottato si ricevono dopo l’adozione. Vi starete chiedendo il perché! Questo succede perché spesso le associazioni scelgono il destinatario della donazione prediligendo il bambino che in quel momento ha più bisogno degli altri.

Dopo essere diventati genitori a distanza, si comincerà a ricevere informazioni e foto del bambino e della sua vita ma anche dei suoi successi scolastici. Esistono anche delle specifiche piattaforme web che consento ai genitori a distanza e ai corrispettivi bambini di scambiarsi foto, disegni, pagelle di fine anno e lettere, in modo tale da poter creare un legame più intimo!

Dopo tre o sei mesi (dipende dall’associazione) si ha la possibilità di effettuare una videochiamata. Ci sono invece genitori a distanza che dopo questo lasso di tempo decidono di mettersi in viaggio per andare a conoscere il proprio bambino dal vivo.

 

Quanto costa l’adozione?

Oltre a domandarsi cos’è l’adozione a distanza, ci si pone la domanda: quanto costa un’adozione?

In genere il costo medio si aggira attorno ai 30/35 euro mensili (a prescindere dall’associazione scelta). In totale sono circa 400 euro annuali, se ci pensate si tratterebbe di una cena in meno al mese per salvare la vita di un bambino in difficoltà.

 

Come assicurarsi di scegliere l’associazione giusta

Spesso la voglia di adottare un bambino a distanza viene annullata dalla paura di essere truffati e di mettersi quindi nelle mani di qualcuno che approfitta della sensibilità umana per scopi personali.

Ma ci sono diversi criteri da considerare prima di scegliere l’associazione giusta! Ad esempio:

  • È importante verificare che l’associazione in questione abbia pubblicato annualmente il proprio bilancio annuale. Questo è il primo criterio per capire la serietà e la trasparenza di un’organizzazione.
  • Chiamare e se è nelle possibilità anche incontrare di persona le persone che lavorano all’interno dell’associazione;
  • Rivolgersi alle organizzazioni con esperienza minima di 6 anni, l’esperienza è sinonimo di affidabilità!
  • Infine è utile sapere se oltre ai volontari, l’associazione ha o meno uno staff interno.

E voi avete mai adottato a distanza?

Muffin Bimby: una pausa speciale!

muffin-bimby

Muffin Bimby: una semplice ricetta per un gustoso break !

Oggi è uno di quei giorni in cui ho voglia di mettermi ai fornelli per imbattermi in almeno una dozzina di: Muffin Bimby! In questo articolo vi svelerò la ricetta per i muffin, provenienti dalla cucina americana e diventati famosi in tutto il mondo! e statene certe, una volta provata, ne sarete totalmente dipendenti!

I muffin sono dei dolcetti apprezzati a livello universale, sia per il loro gusto sia per la semplicità con cui si realizzano (soprattutto se con Bimby)!

Se come me, avete spesso voglia di dolce, ma meno voglia di mettere in soqquadro la cucina, eccovi accontentate con una ricetta semplice e veloce con pochi ingredienti! Provate questa ricetta per dei soffici e gustosi muffin bimby !

Diciamo che si può considerare una sorta di ricetta base a cui si possono aggiungere ingredienti a piacimento: Nutella, marmellata, yogurt, gocce di cioccolato o frutta!

muffin-bimby

Ingredienti per 12 muffin

  • 300 grammi di farina
  • 150 gr di latte
  • 2 uova fresche
  • 120 gr di burro
  • 1 bustina di lievito
  • 80 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale

Preparazione

  • Una volta posizionati tutti gli ingredienti necessari per la preparazione dei muffin Bimby procedete versando prima il latte nel boccale, fatelo riscaldare per 2 minuti a 37° a velocità 1. Se il latte proviene dal frigo aumentate a 3/4 minuti, se invece il latte è a temperatura ambiente dovrebbe andar bene 2 minuti!
  • Ora unite il burro, le uova e lo zucchero e impostate a velocità 4 per 20 secondi! Il risultato sarà un composto fluido e liscio!
  • A questo punto versate la farina 00 precedentemente setacciata, il sale ed il lievito per 15 secondi a velocità 5. Assicuratevi che l’impasto ottenuto sia di consistenza liscia e senza grumi. Nel caso in cui ci fossero ancora dei grumi proseguite per qualche altro secondo sempre a velocità 5.
  • È giunto il momento di trasferire il composto ottenuto negli appositi stampini per muffin, precedentemente imburrati ed infarinati.
  • Non riempiteli totalmente altrimenti l’impasto fuoriuscirà dagli stampini. Ora non vi resta che infornare i muffin nel forno per 20 minuti a 180 gradi. Prima di tirarli fuori, assicuratevi che siano cotti e dorati altrimenti prolungate per qualche minuto la cottura.

muffin-bimby

Tirate fuori i muffin Bimby dal forno, fateli raffreddare e gustateli naturali !

Varianti muffin Bimby

Se dopo aver provato la ricetta basic vi siete innamorati dei muffin e avete voglia di qualcosa di più sfizioso, potete aggiungere al composto classico:

  • un paio di cucchiaini di marmellata;
  • 100 grammi di cioccolato fondente fuso;
  • ancora gocce di cioccolato;
  • 50 gr di yogurt per dei muffin ancora più morbidi.

 

Come usare l’olio di cocco? Ecco qualche consiglio!

come-usare-lolio-di-cocco

Sapevate che l’olio di cocco è utile sia per la cura della persona che della casa? Scopriamo insieme come usare l’olio di cocco!

Come usare l’olio di cocco? Vediamo un pò…da dove cominciare?

Iniziamo con il dire che l’olio di cocco è estratto dalla noce di cocco ed è ricco di acidi grassi, vitamina E e ha infinite proprietà idratanti, nutrienti e lenitive. La sua consistenza è abbastanza solida, si scioglie infatti a bagnomaria. Si tratta di un prodotto super economico che può essere utilizzato sia per la cura della persona che della casa.

Curiosi di scoprire tutti gli utilizzi dell’olio di cocco?

I benefici dell’olio di cocco sono infiniti, ma i suoi utilizzi ancor di più:

  • Crema idratante: l’olio di cocco, grazie alla sua formulazione pastosa è utilizzato come crema idratante naturale per le mani e per il corpo. Utile anche a lenire eventuali rossori.
  • Struccante: sapevate che l’olio di cocco è perfetto per rimuovere il trucco? Persino quello waterproof! Basta applicare l’olio sulle zone interessate e rimuovere il make-up con un dischetto di cotone!
  • Balsamo labbra: applicare un dito con un pò di olio di cocco direttamente sulle labbra, le renderà idratate, morbide e setose. Meglio di un qualsiasi altro burro cacao da supermercato!
  • Maschera per capelli: l’olio nutre in profondità i capelli secchi, sfibrati e pieni di doppie punte. Applicare sulle punte e sulle lunghezze una noce di cocco e avvolgere la testa in un telo per qualche ora o per tutta la notte, poi risciacquare. I capelli avranno immediatamente un aspetto migliore e più sano!

come-usare-lolio-di-cocco

  • Olio per massaggi: perfetto per massaggi rilassanti grazie alle sue proprietà idratanti!
  • Crema anti-smagliature: l’olio di cocco, grazie al suo potere elasticizzante, è ottimo per attenuare le smagliature.

  • Ricostituente: essendo ricco di acido ialuronico, l’olio di cocco rafforza le difese immunitarie, contrasta influenza, herpes e infezioni. Basta anche solo un cucchiaino!

  • Dentifricio: mescolando olio di cocco, un pizzico di bicarbonato e uno di sale si ottiene un dentifricio perfetto per ridurre la placca, calmare le irritazioni gengivale e sbiancare lo smalto dei denti. Per un sapore migliore e più fresco potete aggiungere qualche goccia di olio essenziale alla menta.
  • Antinfiammatorio: applicare l’olio di cocco sull’infiammazione è utile a sgonfiare la parte interessata e sopratutto a diminuire o per lo meno contenere il dolore.
  • In cucina: è perfetto per dolci vegani o leggeri al posto di burro e olio normale;
  • Lucidante per mobili: l’olio di cocco è un potente lucidante per i mobili in legno ma anche per le scarpe in pelle, ne basta pochissimo da spalmare con l’aiuto di un panno pulito!
  • Pulire le padelle di ferro;
  • Funge da repellente naturale contro gli insetti;
  • Pulisce gli interni delle auto;
  • Lucida e pulisce le foglie delle piante.

Tonico fai da te: come avere una pelle sempre perfetta!

tonico-fai-da-te

Tonico fai da te per ogni tipo di pelle: grassa, secca, sensibile o acneica! Da oggi potrete finalmente realizzare in casa e con pochi ingredienti il vostro tonico naturale!

Il tonico è un cosmetico super importante, si dovrebbe utilizzare quotidianamente, anche più di una volta al giorno, perché idrata ed illumina la pelle del viso. La sua azione agisce in profondità e mantiene costante il grado di umidità della pelle.

Il tonico aiuta ad eliminare anche l’eventuale calcare dell’acqua del rubinetto che usiamo quotidianamente sulla nostra pelle, che a lungo andare potrebbe danneggiarla. Molti tonici sono parecchio costosi per questo vi mostreremo come realizzarne qualcuno in casa senza spendere troppi soldi!

Tonico fai da te alla camomilla

Il tonico fai da te alla camomilla illumina la pelle e con le sue proprietà lenitive è perfetto per ogni tipo di pelle, in particolare per quelle sensibili. Vi occorreranno pochi ingredienti e qualche minuto:

  • 100 grammi di acqua di camomilla: lenitiva e perfetta per arrossamenti ed irritazioni,
  • un cucchiaino di miele: è un potente antibatterico e antimicotico,
  • 3 gocce olio essenziale di lavanda: ha proprietà antisettiche, lenitive e purificanti,
  • 4 grammi glicerina vegetale: idrata e protegge la pelle specialmente in inverno.tonico-fai-da-te

Dopo aver mescolato gli ingredienti, versate il composto in un flaconcino e applicatelo su di un dischetto e poi picchiettate con quest’ultimo viso e collo.

 

Tonico fai da te all’acqua di rose

Anche questo tonico fai da te è adatto ad ogni tipo di pelle ma in particolar modo a quella mista, grassa o acneica. Ha un profumo molto delicato e femminile per via dell’acqua di rose. Fresco ed idratante ha un’azione immediata. Vediamo come comporre il tonico:

  • 100 grammi di acqua di rose: idratante, lenitiva, antiage, levigante e rigenerante;
  • un cucchiaino di aceto di mele: riequilibra il ph della pelle, difende dall’attacco di batteri e microrganismi;
  • 2 gocce di olio essenziale di lavanda o camomilla, rosa o geranio.

tonico-fai-da-te

Basterà come per il primo tonico fai da te, unire gli ingredienti e trasferirli in un flaconcino. Potete conservarlo a temperatura ambiente fino ad un paio di mesi.

 

Tonico fai da te cocco e lime

Questo tonico fai da te è perfetto per nutrire, addolcire e tonificare la pelle del viso. Vi serviranno:

  • 3 gocce di lime o limone,
  • cocco grattuggiato (o latte di cocco).

Prendete il cocco grattugiato e lasciatelo in ammollo per qualche ora nell’acqua, mixate e filtrate, aggiungete il lime e trasferite in un flacone. Questo è un vero toccasana per pelle ma anche per i capelli.

 

I cibi migliori per abbassare la pressione!

i cibi migliori per abbassare la pressione

Quali sono i cibi migliori per abbassare la pressione alta? Scopriamolo insieme in questo articolo!

Oltre ad essere uno tra i più grandi piaceri della vita, il cibo è anche un mezzo per rimanere in salute. Potrebbe però anche trasformarsi nel peggior amico dell’uomo. Introdurre degli alimenti corretti in una dieta quotidiana potrebbe allontanare i rischi dell’ipertensione!

Nell’articolo di oggi vi parleremo sia dei cibi migliori per abbassare la pressione, sia di quelli assolutamente sconsigliati!

 

Cibi da preferire:

  • cioccolato: i flavonoidi contenuti nel cioccolato FONDENTE (attenzione non al latte) hanno un grande effetto vaso-dilatatore e migliorano la circolazione del sangue;

i cibi migliori per abbassare la pressione

  • latticini (yogurt o latte): avendo un basso contenuto di grassi, tengono sotto controllo i valori della pressione sia minima che massima;
  • olio d’oliva: abbassa i livelli del colesterolo e aiuta a dilatare i vasi sanguigni;
  • pesci grassi (salmone, sgombro ecc.): gli omega3 abbassano i valori della pressione massima. È sconsigliato il salmone affumicato!

i cibi migliori per abbassare la pressione

  • zenzero: è ricco di proprietà e benefici efficaci contro l’ipertensione.
  • aglio: è l’alleato numero uno per l’ipertensione! È conosciuto sin dall’antichità per le sue virtù antibatteriche e antinfiammatorie.
  • barbabietola rossa: il suo succo contiene un elevato contenuto di nitrati, i quali sono in grado di abbassare i livelli della pressione sanguigna per più di 6 ore.
  • melograno: tra i frutti autunnali più consigliati, ha un alto contenuto di potassio che neutralizza l’effetto del sodio nel sangue e contrasta l’ipertensione.

 

Cosa EVITARE per ridurre il rischio ipertensione?

Dopo aver parlato dei cibi migliori per abbassare la pressione, ora scopriamo quali cibi invece evitare assolutamente.

  • Fagioli: i fagioli in scatola sono ricchi di sodio, il quale aumenta la pressione sanguigna;
  • Alcol: porta disidratazione e aumento di peso, entrambi contribuiscono all’ipertensione. L’alcol è assolutamente da evitare!
  • Pompelmo: seppur il pensiero comune sulla frutta è che faccia bene, non è proprio così, il pompelmo fa tutt’altro che bene ad un soggetto che soffre di pressione alta. C’è una sostanza al suo interno che riduce l’assorbimento di alcuni farmaci e che dunque potrebbe interferire con l’assunzione di pillole per l’ipertensione.
  • Salse: sono ricche di sale e di zucchero, meglio condire con erbe oppure olio!
  • Biscotti: nonostante i biscotti siano dolci, contengono un’elevata quantità di sale. Leggi sempre le etichette prima di acquistare biscotti!

Spaghetti al limone: una ricetta semplice e leggera!

spaghetti-al-limone

Gli spaghetti al limone sono un primo piatto con tutte le carte in regola: squisito, veloce e perfetto per chi segue un regime alimentare sano, ma non ha voglia di rinunciare alla pasta!

Curiosi di scoprirne la ricetta? Leggete l’articolo!

 

Per fare gli spaghetti al limone basteranno pochi ingredienti che in meno di mezz’ora tireranno su un gran bel piatto che conquisterà il palato di tutta la famiglia.

È una pietanza perfetta sia d’estate che d’inverno specialmente per chi è a dieta.

Potete utilizzare spaghetti, linguine, tagliatelle, tagliolini (i tagliolini al limone sono una tipica ricetta della Costiera Amalfitana) e preferire qualsiasi tipo di pasta, integrale, al farro, al nero di seppia, il limone si sposa bene con tutto!

Vi basteranno succo e buccia di limone, una spolverata di prezzemolo tritato e per chi della dieta se ne frega anche un po’ di panna.

L’unico piccolo accorgimento è quello di utilizzare limoni biologici e non trattati e di prestare massima attenzione alla cottura della pasta, altrimenti il piatto sarà rovinato.

 

spaghetti-al-limone

Preparazione spaghetti al limone

  • Per preparare gli spaghetti al limone dovrete lavare bene il limone, grattugiare la scorza (attenzione a non grattugiare anche la parte bianca, poiché troppo amara) e poi premete il succo di limone.
  • Adesso in una padella antiaderente mettete un filo d’olio e uno spicchio di aglio, fatelo rosolare e poi aggiungeteci la scorza di limone.
  • A questo punto fate amalgamare il tutto mescolando e unendo pian piano il succo di limone precedentemente filtrato accuratamente.
  • Adesso cuocete gli spaghetti o il tipo di pasta che avete scelto e scolateli bene al dente.
  • Ora fate saltare gli spaghetti in padella assieme al condimento precedentemente preparato.
  • Amalgamate bene, otterrete una cremina profumata.
  • Non vi resta che aggiungere un po’ di prezzemolo tritato e di servire i vostri spaghetti al limone.

Per chi volesse aggiungere della panna (rendendo questo piatto tutt’altro che healthy), vi basteranno un paio di cucchiai. Mantecate gli spaghetti in padella, e il piatto è pronto per essere mangiato.

Per chi invece vuole cremosità senza esagerazione, al posto della panna può aggiungere un cucchiaio di Philadelphia active (contiene pochissime calorie), si otterrà la stessa cremosità!

Potete aggiungere pepe o del parmigiano per renderlo ancora più saporito.

 

Contorno occhi fai da te: ricette contro le occhiaie!

contorno-occhi-fai-da-te

Il contorno occhi è una zona piuttosto delicata poiché la circolazione sanguigna è molto scarsa e la pelle è più sottile. Quindi per evitare le rughe, le occhiaie e le borse è necessario prendersene cura. Scopriamo come fare!

Il contorno occhi rappresenta un punto del viso molto critico, ecco perché oggi vi parleremo di come idratare gli occhi nel migliore dei modi per limitare o anche prevenire le occhiaie e le rughe.

Eccovi alcune ricette di contorno occhi fai da te molto semplici da realizzare e capaci di rendere il nostro sguardo fresco e riposato.

 

Contorno occhi fai da te all’acido ialuronico

Questa ricetta si può utilizzare mattina e sera prima o dopo aver applicato la crema viso.

Vi serviranno:

  • Un cucchiaio di gel d’aloe vera: è idratante, lenitivo con effetto lifting;
  • Un cucchiaio di acido ialuronico: ha proprietà idratanti ed è un anti-age molto potente famoso per la sua funzione di prevenzione delle rughe;
  • Un cucchiaino di olio di argan: nutre la pelle in profondità ed è un ottimo antiossidante.

contorno-occhi-fai-da-te

Dopo aver mescolato accuratamente questi tre ingredienti procedete nell’applicazione del contorno occhi fai da te nei punti critici. Se avanza un po’ di prodotto potete conservarlo in frigo e riutilizzarlo.

Pochi ingredienti per un ottimo risultato

Anche questa ricettina è semplice da realizzare e davvero efficace per alleviare le rughe, prevenirle e trattarle, è però estremamente importante applicarlo con costanza almeno due volte al giorno!

Vi serviranno solo :

  • 50 grammi di idrolato di camomilla oppure acqua di rose,
  • 40 grammi di olio di argan (o qualsiasi altro olio nutriente, come ad esempio di avocado o di jojoba)

Vi basterà unire e mescolare i due ingredienti e trasferirli in un contenitore dal facile utilizzo! Applicate il composto un paio di volte al giorno, noterete presto piacevoli cambiamenti.

Siero per le occhiaie

Il siero contorno occhi è utile a rendere la vostra pelle più elastica sin dalle prime applicazioni. Anche qui vi serviranno pochi ingredienti:

  • 10 grammi di olio di riso,
  • 10 grammi di olio di argan,
  • 10 grammi di olio di jojoba,
  • Qualche goccia di olio essenziale di lavanda per dare odore.

contorno-occhi-fai-da-te

Essendo molto nutrienti, gli oli hanno un effetto benefico sulla microcircolazione e sull’elasticità della pelle. Applicate qualche goccia di prodotto sulla zona del contorno occhi e massaggiate per qualche minuto.

A differenza degli altri prodotti, l’applicazione del siero è consigliabile di sera poiché gli oli potrebbero rendere difficile la stesura del make-up quotidiano.

Se applicate con costanza creme o sieri contorno occhi, noterete dei piccoli miglioramenti volta per volta, in più se completate il tutto con l’applicazione di due fettine di cetriolo sugli occhi lasciandole in posa per almeno 15 minuti, le vostre borse con il tempo andranno via del tutto.

 

Etichette tessute: l’innovazione dell’abbigliamento!

etichette-tessute

Le etichette tessute sono da cucire o da applicare su capi d’abbigliamento e accessori e possono essere realizzate con varie tecniche di lavorazione. Scopriamo come si realizzano e quanti tipi di etichette ci sono!

Le etichette tessute di etichettanome.it sono personalizzabili, di qualità e assolutamente convenienti. È possibile ordinarle online in base al colore, dimensioni e testi che più si preferiscono. Leggendo questo articolo scoprirete tante etichette tessute!

 

Etichette tessute con testo e simbolo

Queste etichette sono tra le preferite dei professionisti. Dopo aver selezionato il colore che più si preferisce, si aggiunge il testo, si seleziona un simbolo e successivamente si possono cucire manualmente oppure a macchina! Sono realizzate in damasco e dunque sono morbide, flessibili e molto resistenti.

 

Etichette classiche tessuto con testo brillante

Le etichette classiche tessute con testo brillante donano al tuo design un tocco di glam e di stile. È possibile scegliere tra argento, oro, rosso e blu e sono disponibili anche nella versione termo adesiva. Anch’esse sono realizzate in damasco e non si sfrangiano se tagliate.

Etichette Tessute con Testo & Simbolo da configurare online

Abbiamo un sacco di opzioni per aiutarti a configurare un’etichetta tessuta perfetta. Puoi scegliere tra una vasta gamma di colori, uno per lo sfondo e uno per il testo, e anche un simbolo. Inserisci semplicemente il tuo testo, seleziona il carattere, imposta il formato e aggiungi un simbolo che può venir posizionato a destra o a sinistra del testo. Puoi anche aggiungere una cornice opzionale e scegliere tra la variante da cucire oppure termo adesiva.

etichette-tessute

Personalizzazione online

C’è la possibilità di creare un design specifico ed unico per la tua etichetta tessuta usando il tuo logo e alcuni extra. Si può scegliere un’etichetta pieghevole ed il formato che più si preferisce, il colore, l’opzione da cucire ed il materiale!

Etichette pre-disegnate

Se non hai un tuo logo o qualcosa di molto personalizzato, ma senti la necessità di dare un tocco in più al tuo capo, puoi dare un’occhiata alle etichette pre-disegnate, che vi faranno risparmiare la “fatica” di configurare un’etichetta perfetta!

 

Ordini no stress

L’acquisto online è interamente guidato, step by step fino alla parte finale del processo. La cosa più bella è che ci sono tantissime opzioni, dandoti la possibilità di arricchire i tuoi capi o accessori come più preferisci. Il quantitativo minimo ordinabile è di 25 pezzi, quelle su misura solo 5! In base alla tipologia di design che hai in mente, dovrai semplicemente selezionare le tue preferenze e realizzare le tue etichette tessute personalizzate !