Come applicare la vernice a gesso per ridare vita ai mobili

vernice-gesso

Diversamente da come si potrebbe pensare, per recuperare un mobile vecchio non è necessario rivolgersi ad un falegname.

Con un po’ di pazienza e con gli strumenti giusti, infatti, è possibile ridare vita ai mobili ed evitare di acquistarne altri.

Pertanto, se si hanno mobili vissuti o che necessitano di essere messi a nuovo, è possibile recuperarli e continuare ad utilizzarli senza doverli buttare.

Chiaramente occorre avere l’apposita attrezzatura per fare tutto ciò, ad esempio una vernice apposita, che non necessita di particolari lavorazioni per poter essere applicata. Se non si ha molta dimestichezza, è possibile sapere quale pittura usare  visitando il sito di aziende specializzate in questo settore.

vernice gesso
Photo by Alexander Grey on Unsplash

Scegliere i giusti materiali

La scelta della pittura è essenziale per un risultato ottimale. Per dei progetti semplici e veloci, la scelta migliore è la vernice chalk paint, adatta a ricoprire qualsiasi superficie senza la necessità di carteggiare oppure rimuovere la vernice già presente.  È altrettanto importante utilizzare il pennello adatto, in base al risultato che si vuole ottenere. Le setole morbide, ad esempio, permettono una finitura liscia e senza imperfezioni, mentre le setole rigide evidenziano le pennellate e conferiscono un tocco rustico al progetto. Ad ogni modo, è sempre preferibile mettere il pennello in un recipiente con dell’acqua tiepida prima di utilizzarlo, al fine di ricompattare le setole e rimuovere quelle staccate.

La tecnica di verniciatura

Dopo aver reperito tutto il materiale per rinnovare il proprio mobile, è necessario comprendere come applicare la vernice chalk paint. Esistono diverse tecniche, tra cui:

  • Pennellate incrociate: è un metodo efficace per ottenere una finitura uniforme e senza striature, specialmente sulle superfici lisce e molto estese. Utilizzando un pennello dalle setole morbide, è possibile applicare il colore incrociando le pennellate prima in una direzione e poi nell’altra.
  • Lavaggio di colore: è una tecnica molto utilizzata per mettere in risalto delle decorazioni che caratterizzano il mobile. In questo caso, bisogna stendere uno strato di colore e poi ricoprire la superficie con un altro colore molto diluito nell’acqua. Successivamente, bisogna rimuovere l’eccesso con una spugna, per consentire al secondo colore di depositarsi solo negli incavi.
  • Tampone e stencil: nello stile shabby chic, la tecnica del tampone è molto utilizzata. Realizzarla è molto semplice, basta posizionare lo stencil sul mobile e fissarlo con il nastro adesivo, per poi tamponare con un pennello tondo nella fessura. Bisogna ricordarsi di rimuovere lo stencil solo a completa asciugatura della vernice, per evitare sbavature.
  • Decapè: è una tecnica di finitura che conferisce un effetto invecchiato al mobile, poiché lascia intravedere il colore sottostante oppure le venature del legno. Per realizzare l’effetto decapato, bisogna passare una spazzola con setole di metallo sul legno, e poi applicare la vernice.

Applicare un prodotto per il finish

Dopo aver completato il lavoro di pittura con la vernice chalk paint, è essenziale preservare il risultato con un adeguato prodotto per il finish. Spesso, l’applicazione di cera liquida è sufficiente per proteggere la superficie dipinta, conferendole un aspetto lucido e un ulteriore livello di resistenza. Tuttavia, per mobili più esposti all’usura, come quelli posizionati all’esterno, è preferibile utilizzare un prodotto specifico.

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *