Congedo parentale 2019: cosa è e come fruirne

congedo-parentale

Il congedo parentale 2019 è uno speciale permesso, parzialmente retribuito, concesso a lavoratori e lavoratrici dipendenti per necessità connesse alla cura di figli minori. Approfondiamolo nel dettaglio.

Conciliare lavoro ed impegni familiari non è sempre facile: lo sa bene chi, tra mille impegni quotidiani, si trova a volte in difficoltà nella gestione del tempo da dedicare ai propri figli. La legge (D.Lgs 151/2001) interviene in soccorso introducendo un periodo di astensione facoltativa da lavoro per lavoratori dipendenti, che si aggiunge alla maternità obbligatoria spettante per 5 mesi in concomitanza con gli ultimi mesi di gravidanza e la nascita del figlio. Vediamo in particolare le novità del congedo parentale 2019.

L’INPS interviene a coprire la mancata retribuzione per i periodi eventualmente fruiti, elargendo una apposita indennità pari al 30% della retribuzione media giornaliera prevista per contratto.

E’ importante evidenziare che, a differenza del congedo obbligatorio (i 5 mesi), quello facoltativo può anche essere frazionato in singole ore secondo quanto previsto dal CCNL o dal contratto integrativo aziendale applicato al singolo lavoratore.

Congedo parentale 2019: termini di fruibilità

Il congedo parentale facoltativo può essere fruito per accudire figli minori sino al limite dei 12 anni di età, secondo però una durata diversa a seconda che siano presenti entrambi i genitori o uno solo di essi.

In particolare

Se sono presenti entrambi i genitori il periodo massimo fruibile è di:
  • 6 mesi dopo la maternità obbligatoria se del congedo fruisce solo la madre
  • 7 mesi dalla nascita del bambino se del congedo fruisce solo il padre
  • 11 mesi complessivi se ne fruiscono entrambi, fermo restando il limite massimo previsto per ciascuno.
Se invece è presente uno solo dei genitori

per morte o grave infermità dell’altro, abbandono del figlio o mancato riconoscimento dello stesso, affidamento esclusivo ad uno solo dei genitori: il limite massimo è di 10 mesi.

Congedo parentale 2019: fino a quando spetta l’indennità?

Come abbiamo visto, l’INPS eroga un’indennità pari al 30% della “retribuzione media globale giornaliera”. Si tratta della retribuzione del mese precedente a quello in cui si fruisce del congedo da moltiplicarsi per le giornate indennizzabili.

Tale indennità spetta a chi è titolare di un regolare rapporto di lavoro subordinato all’inizio del congedo, nei seguenti termini:

  1. Fino a 6 anni di età del bambino: il periodo complessivo massimo coperto dall’indennità è di 6 mesi
  2. Dai 6 agli 8 anni del bambino: i genitori possono ottenere l’indennità per gli eventuali giorni mancanti (cioè non goduti) rispetto al limite dei 6 mesi e possono anche ottenere altri periodi fino ad un ulteriore massimo di 11 mesi sempre retribuiti al 30%, ma ad una condizione: il richiedente deve possedere un reddito non superiore a 2,5 volte la cosiddetta pensione minima (che per il 2019 è di € 513,01)
  3. Dagli 8 ai 12 anni del figlio: non spetta alcuna indennità. Il che significa che il congedo, ove fruito, non verrà retribuito.

Per chiarire meglio i limiti di spettanza dell’indennità oltre il sesto anno del bambino in relazione al 2019, facciamo un rapido conto.

€ 513,01 mensili x 13 mensilità = € 6.669,13 annui (trattamento pensionistico minimo per il 2019)

€ 6.669,13 x 2,5 volte = € 16.672,83

Quindi per poter fruire dell’indennizzo anche oltre il sesto anno di vita del bambino, il reddito annuo non dovrà eccedere il limite di € 16.672,83.

Precisiamo che per “reddito” si intende solo quello soggetto a tassazione IRPEF, con esclusione dei redditi derivanti dall’abitazione principale, da tfr o da redditi tassati alla fonte.

Congedo parentale 2019: come effettuare la domanda

Per avere diritto ai periodi di congedo parentale la relativa domanda va inoltrata all’INPS prima dell’inizio dell’assenza, o per via telematica direttamente sul portale dedicato oppure attraverso CAF o patronati.

Una copia della domanda va inoltrata al datore di lavoro, che provvederà ad anticipare al lavoro l’indennità rimborsata poi da INPS.

 

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.