Glamping: una vacanza all’aria aperta chic

glamping

Per staccare dalla frenesia del quotidiano, sono in molti a decidere di rifugiarsi nella natura, senza rinunciare al comfort e al lusso.

È proprio in questo contesto che entra in gioco il fenomeno del glamping, termine usato per la prima volta nel 2005 in Gran Bretagna, frutto della combinazione tra “glamour” e “camping”. Ma di che cosa si tratta nello specifico? Sostanzialmente è l’unione di un alloggio che combina la libertà del campeggio con il comfort dell’hotel. In Italia, è una forma di vacanza all’aria aperta che ha spopolato soprattutto nell’ultimo decennio, con sempre più strutture attrezzate per questa nuova esperienza.

Differenze tra la tradizionale vacanza all’aria aperta e il glamping

Il glamping è un modo completamente innovativo di concepire il campeggio poiché combina i servizi degli alloggi di lusso e la natura più incontaminata; mentre, nell’immaginario comune, la vacanza all’aria aperta corrisponde a un soggiorno in campeggio con piazzole per camper, tenda o roulotte, pertanto un’esperienza indubbiamente più selvaggia. Le differenze tra glamping e il campeggio tradizionale sono molteplici, come:

  • Alloggio: nonostante oggi esistano moltissime diverse tipologie di camping,  nell’idea canonica di campeggio, si dorme tutti insieme in una tenda più o meno grande, in un sacco a pelo, su  materassi gonfiabili più o meno comodi. Nonostante oggi la maggior parte dei campeggi  offra servizi e alloggi di ogni tipo, è evidente che in questo caso il relax non è il fattore determinante per la buona riuscita dell’esperienza, ma è la connessione diretta con l’ambiente circostante a renderla indimenticabile. A differenza del camping, inteso come concetto di campeggio per la maggioranza delle persone, fatto di tende e roulotte, il glamping offre alloggi lussuosi, come tende safari arredate con gusto, yurte o casette sugli alberi, dotate di comodità moderne e arredi atipici ed eleganti. Nulla a che vedere con i materassini gonfiabili della tenda da campeggio.
  • Esperienza: da una parte, il campeggio classico promuove un’esperienza più selvaggia e avventurosa, in cui gli ospiti si immergono completamente nella natura e si adattano alle condizioni ambientali; dall’altra parte il glamping regala un soggiorno più raffinato e sofisticato, con una maggiore attenzione al design e all’estetica dell’ambiente circostante e al relax di ciascun visitatore.

Diversi tipi di glamping

Il glamping non è un fenomeno uniforme, ma si sviluppa sotto forme diverse e in differenti contesti:

Tipologie di ambienti naturali

  • parchi naturali;
  • foreste;
  • giungle;
  • deserti;
  • regioni montuose.

Forme del glamping

  • Le più comuni case sugli alberi, per potersi immergere completamente nella natura, sollevati da terra, senza rinunciare alla comodità di casa;
  • Yurte, strutture circolari in legno che richiamano le tradizionali abitazioni della Mongolia, per vivere un’esperienza ancora più autentica;
  • Confortevoli tende safari, realizzate in legno e dal tetto spiovente e ben diverse da quelle del campeggio convenzionale;
  • Eco lodge, diffusi soprattutto in Giappone e degni dei più esclusivi resort a cinque stelle.

In sintesi, il glamping è caratterizzato da una grande varietà e creatività nelle sue manifestazioni, e proprio grazie a questa sua flessibilità non sorprende che questo fenomeno continui a svilupparsi sempre di più nel corso degli anni.

Dove passare le tue vacanze all’aria aperta in Glamping

Nonostante si sia sviluppato più velocemente nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia, l’idea di trascorrere dei soggiorni nel lusso, lontani dal caos della città, ha rapidamente conquistato molti altri paesi. Oggi si può decidere di trascorrere una vacanza en plein air in glamping anche in Europa, in particolare in:

  • Francia;
  • Italia;
  • Germania;
  • Spagna;

In America del Sud:

  • Cile;
  • Colombia;
  • Uruguay;
  • Perù.

In Asia sud-orientale:

  • Thailandia;
  • Cambogia;

E anche in Africa:

  • Sudafrica;
  • Kenya;

Tuttavia, questi elenchi non sono esaustivi, in quanto questo fenomeno sta conoscendo un enorme successo e si sta sviluppando con estrema rapidità. Ad esempio, di recente il glamping si è diffuso persino negli Emirati Arabi Uniti.

Classica vacanza all’aria aperta o glamping? A te la scelta

La scelta tra glamping e camping dipende principalmente dalle preferenze individuali di una persona, da ciò che cerca in una vacanza e dall’equilibrio tra la comodità e l’avventura. Entrambe le modalità di vivere la natura hanno un proprio fascino singolare.  Il glamping attrae molti visitatori perché è un tipo di esperienza atipica; dormire in una yurta, non è di certo cosa da tutti i giorni. È sicuramente un modo attraente per connettersi alla natura senza rinunciare ai comfort moderni. Dall’altra parte invece vivere un’avventura più autentica, immergendosi nella natura più selvaggia in tutta la sua bellezza, è altrettanto affascinante. Anche dormire in una tenda sotto le stelle e mangiare al fuoco di un falò ha il suo perché.  Tuttavia, è doveroso sottolineare che queste sono solo due delle numerose esperienze che il campeggio può potenzialmente offrire oggi. Ci sono infatti tantissime possibilità, alloggi, strutture e attività per vivere la vacanza all’aria aperta dei tuoi sogni.

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *