Diario di una fuorisede: viva l’ESTate!!!

gabri

In queste settimane mi capita spesso di imbattermi in discorsi quali accettazione dell’altro e diversità. Da alcuni discorsi sembra che il mondo sia tornato indietro di anni e anni.

Non voglio addentrarmi in discorsi più grandi di me che richiederebbero studi sociologici approfonditi e tantomeno fare la morale a qualcuno perché non so quanto possa rientrare l’argomento in un blog di moda; quello che tenterò è farvi vedere la cosa da un’altra prospettiva.

L’estate è arrivata (finalmente direi) portando il caldo e…la voglia di partire.

Ieri, indecisa sulla meta da raggiungere per le vacanze, mi son dilettata con la lettura di Cosmopolitan e Glamour. Entrambe le riviste suggeriscono i posti più cool del momento.

Ma…vi ricordo…io sono una fuorisede e come tale vorrei divertirmi risparmiando.

Deciso! Qual è il posto facilmente raggiungibile dove ti puoi divertire e spendere poco?

Ma certo, l’Est Europa!

Sapete che SUNNY BEACH (Bulgaria) è considerata l’Ibiza dell’est? Qui l’ingresso in discoteca costa solo 2 euro!

Per me (che cerco sempre di mixare mare, divertimento e cultura) ci sarebbero moltissime mete da raggiungere.

La Praga dei cristalli per esempio offre divertimento assicurato con la famosissima disco a 5 piani KARLOVY LAZNE.

E perché non passare da Bucarest… un mio amico (ci è stato in Erasmus) mi ha consigliato il CLUB MAX. Poi da lì potrei visitare il misterioso “regno di Dracula” in Transilvania. Sarebbe così intrigante!

Poi ci sarebbe il Montenegro, la Croazia, la Slovenia…quanti posti! Vorrei avere 2 mesi a disposizione per girarmeli tutti con la mia macchina. E per tutto ciò non serve nemmeno il passaporto!

Proviamo quindi ad andare nei Paesi di quelli che molti definiscono “diversi”, cerchiamo di integrarci..noteremo che anche a loro piace fare le stesse cose che piace fare a noi. E poi…leggiamo, documentiamoci ed informiamoci! Spesso quello che ci fanno vedere è solo la faccia cattiva della medaglia.

Gabriella De Filippis

Diario di una fuorisede: CHEAPER SUSHI!

E’ mezzogiorno e mi trovo in ufficio. Ambrogio, mi è venuto un leggero languorino!
Ummm, no, no: è proprio voglia di sushi!!!
Oltre ad essere diventato da qualche anno il cibo metropolitano più cool, il sushi è anche buono (se fatto bene naturalmente!).
Certo, ti deve piacere il pesce crudo…per chi lo assaggia la prima volta, un consiglio: non pensare troppo a quello che stai per addentare!
Assodato che sono diventata dipendente dai rotolini di riso e salmone e che li mangerei a pranzo e a cena, sorge un piccolo problemino… nuoce gravemente alle finanze di una fuorisede!

Ma questo è normale se si pensa che il sushi è preparato da cuochi professionisti che non improvvisano e che il pesce costa tanto (a maggior ragione se lo cerchi in una città non proprio sul mare come Roma). Tuttavia io ho trovato la soluzione a tutte le mie giappo-voglie e voglio condividerla con voi cari nigiri- fans. Per chi abita a Roma indico tre soluzioni (dalla più economica alla più costosa).
Il fast-food del sushi è DARUMA SUSHI. Sul sito www.darumasushi.com trovi le immagini di tutti i menù a disposizione con indicate le relative calorie a costi davvero bassi. Per i pigri Daruma offre il servizio di delivery comodamente a casa tua.
Per chi invece si trova spesso di fronte ad un bivio (tu desidereresti tanto una valanga di california rolls mentre le tue amiche propendono per la cucina cinese).. ZEN GARDEN di Viale Regina Margherita. Qui trovi di tutto: cucina cinese, giapponese e thailandese. Con 20 euro mi sazio poiché posso unire la qualità del giapponese alla quantità del cinese! Una svolta!
Poi però c’è il tempo per una cenetta romantica. Se tu e la tua metà siete accumunati dalla passione per la nostra cara cucina d’Oriente vi suggerisco TAKI in Via M. Dionigi (a due passi dal cinema Adriano). C’è un ottimo rapporto qualità-prezzo e i cuochi (giapponesi original) sono davvero carini.
Beh, spero che queste dritte vi siano servite. Ora vado a pranzo….chissà se in mensa c’è ancora la vaschetta con 8 nigiri!

P.s E voi, avete altri locali sushi da suggerire nelle altre città?

Kiss!

Gabriella De Filippis