Struccarsi in modo naturale: istruzioni per l’uso!

struccarsi-in-modo-naturale

Struccarsi in modo naturale? Si può… e vi occorrono solo 3 elementi! Scopriamo insieme quali sono!

È possibile struccarsi in modo naturale, ricorrendo a piccoli stratagemmi che toglieranno via tutto il trucco dal vostro viso. Tutto ciò che vi serve lo trovate in cucina.

Niente pozioni magiche, nessun intruglio, solo e semplicemente olio d’oliva!

Si l’olio d’oliva che usate per condire i vostri piatti, come ben sapete ha mille proprietà, tra queste, anche quella di struccare. Via mascara, fondotinta e rossetti.

Ma come è possibile?

Beh la risposta è semplice, l’olio di oliva è composto da grassi, così come anche i trucchi: il grasso dissolve grasso, è chimica!

 

Ma non basterà solo l’olio d’oliva a togliere via tutto il trucco.

 

Vi servono:

  1. Olio naturale (d’oliva, di ricino, di lino, di mandorle, di jojoba…)
  2. Sapone naturale (per pelli normali)
  3. Asciugamano in spugna o microfibra.

 

Vi occorre versare sulle mani inumidite una noce di olio e poi massaggiate a viso asciutto. A questo punto con l’asciugamano bagnato con acqua tiepida e poi ben strizzato, strofinate delicatamente.

struccarsi-in-modo-naturale

Se hai una pelle molto grassa, completa la detersione con il sapone, che aiuterà ad eliminare l’olio usato in precedenza. Vi raccomando però, non un sapone per le mani, perché essendo troppo SGRASSANTI, la vostra pelle reagirà producendo ancora più sebo. Un sapone neutro va benissimo oppure un gel detergente. Il passaggio finale è applicare un tonico, a spray sarebbe l’ideale!

 

Che olio utilizzare?

Come dicevamo prima, l’olio da utilizzare è a vostra scelta, in base alla vostra pelle. L’olio d’oliva è un jolly, va bene per ogni tipo di pelle, anche per quella grassa!

Per una pelle molto secca, l’olio di mandorle dolci è quello più indicato! Per una pelle grassa utilizzare l’olio di jojoba o di girasole.

A differenza di ciò che si possa immaginare, l’olio non ingrassa la pelle, se è naturale. Gli oli naturali sono composti da sostanza grasse che sono affini al sebo della pelle, quindi non alterano il vostro tipo di pelle. Diverso è per gli oli minerali che contenendo paraffina provocano brufoli o punti neri.

 

Cosmetica 2019: è stato un anno d’oro per il settore beauty!

cosmetica-2019

La cosmetica 2019 ha registrato circa 12 miliardi di giro d’affari, un incremento del 2,8% rispetto allo scorso anno. Scopriamo insieme tutti i dettagli di tale aumento!

La cosmetica 2019 ha avuto un’impennata di consumi, è stato infatti un anno d’oro per il beauty e la cosmesi Italiana che ha registrato un ennesimo record sulla bilancia dei pagamenti.

È stato inoltre registrato il valore più alto dell’ultimo decennio, sicuramente anche grazie alle nuove nicchie di mercato che gli imprenditori italiani hanno conquistato nei paesi extraeuropei.

 

I cosmetici italiani più amati nel mondo sono:

cosmetica-2019

Nonostante lo scenario di crisi generale, nell’ambito della cosmetica si aprono nuove strade e soprattutto nuove abitudini per quanto riguarda la cura della persona, in particolare del corpo e dei capelli.

Le donne italiane amano curarsi, frequentano i centri estetici spendendo più soldi rispetto al 2018, si sottopongono a massaggi, cerette e trattamenti specifici.

È cambiato infatti che a differenza degli anni precedenti, alle donne non interessano più tagli e pieghe ma piuttosto sono incuriosite da:

  • trattamenti biologici,
  • dall’utilizzo di materie prime naturali;
  • dalla qualità dei prodotti per il viso, per il corpo e per i capelli!

Prodotti bio: gli eletti del 2019

Per la cura della persona, donna o uomo che sia, gli italiani amano molto di più i prodotti biologici, quelli a connotazione naturale, organici e privi di pari beni e paraffine. Hanno imparato a leggere gli INCI dei prodotti e quindi a scegliere tutto ciò che fa bene a corpo e capelli, o per lo meno che non li danneggino.

Infatti le erboristerie italiane hanno registrato un notevole aumento di vendite.

cosmetica-2019

La cosmetica 2019 ha chiuso l’anno con un valore di mercato pari a 448 milioni di euro, dato che è ancora in crescita e si prevede che lo sarà fino alla fine dell’anno.

Crescono anche i consumi di prodotti di bellezza nelle farmacie, nelle profumerie e nel segmento dei mass-market, oltre che nelle erboristerie e nei negozi monomarca o in quelli specifici per la cura della persona e della casa.

Bisogna inoltre ringraziare internet, un canale che ha permesso la divulgazione di informazioni riguardo tutti i prodotti dannosi per le persone.

Internet è infatti un’ottima piattaforma di acquisto per la cosmetica ed è in continua crescita, soprattutto per via delle famose recensioni positive o negative di ciascun prodotto, per le quali, ogni persona si sente più protetta, e più sicura di acquistare!

 

Capelli bianchi: perché compaiono?

capelli-bianchi

Perché compaiono i capelli bianchi? Esistono rimedi ? Si possono prevenire? Leggete l’articolo per scoprire tutte le risposte a queste domande!

La comparsa dei capelli bianchi può diventare fonte di stress, ma keep calm, perché è proprio quest’ultimo a farli comparire.

Ma iniziamo sfatando qualche mito! Innanzitutto è bene sapere che strappando un capello bianco NON ne ricresceranno due. Sapete perché? Per il semplice motivo che un bulbo contiene un solo capello e che strappandolo si crea un trauma al bulbo che comincerà a produrre più sebo, facendo dunque crescere il capello notevolmente più sottile! Quindi vi raccomando non strappate i capelli bianchi che vedrete spuntare, se proprio volete, tagliateli!

Non è detto che bisogna avere 40 anni per avere i capelli bianchi, spesso infatti, crescono prematuramente, intorno ai 20/25 anni!

Quali sono i motivi di questo fenomeno? Scopriamoli insieme!

Per i giovanissimi il fattore principale è legato alla genetica e alla probabile mancanza di melanina!

Succede infatti che i follicoli dei capelli contenenti la melanina, ne rallentino la produzione, con la conseguenza di una progressiva diminuzione di pigmentazione e dunque la perdita di colore nei capelli. È questo il processo che porta alla comparsa dei capelli bianchi!

capelli-bianchi

Gli altri motividella comparsa dei capelli bianchi sono:

  • l’alimentazione sbagliata: può gravare sulla condizione dei nostri capelli rendendoli prematuramente bianchi. In particolare la carenza della vitamina B12 può portare alla formazione dei capelli grigi, è importante quindi mangiare uova, carne e latte che contengono questa vitamina. Per di più la B12 produce i globuli rossi del sangue, che trasporta ossigeno e nutrimento al corpo ed anche al cuoio capelluto!
  • lo stress: seppur non un fattore del tutto incidente, lo stress può provocare dei forti traumi che in qualche modo possono velocizzare la crescita di tali capelli.

Non esistono dei rimedi ai capelli bianchi, o meglio per la loro prevenzione, dunque ahimè i capelli bianchi quando arrivano arrivano, ma ci sono tanti modi per coprirli come ad esempio le tinte, gli spray o il “mascara per capelli”. Il metodo più efficace è sicuramente la tinta, però attenzione a che tipo di tinta scegliete, piuttosto che quelle chimiche preferite l’henné (si può preparare anche in casa) il quale anche se richiede più colorazioni per ottenere un risultato ottimale, è un prodotto naturale e non indebolisce il capello, al contrario delle tinte chimiche che lo danneggiano!

 

Quando la moda ci aiuta!

capelli-bianchi

Per fortuna la moda è dalla nostra parte, i “granny hair” o i cosiddetti capelli della nonna, sono diventati un vero trend. I capelli grigi sono di tendenza, che siano tinti o naturali.

Questo ha dato sollievo a tutte le ragazze che hanno i capelli bianchi sin da giovanissime! Sempre più donne scelgono questo trend:

  • Helen Mirren,
  • Jamie Lee Curtis,
  • Diane Keaton,
  • Miranda Priestly,
  • Sarah Harris,
  • Emma Thompson,
  • Lady Gaga.

Insomma questo è l’esempio lampante di come un “problema” estetico si trasforma in un trend!

Ciglia finte: cosa sono e come applicarle?

ciglia-finte

Le ciglia finte sono un ottimo strumento di seduzione, utili a donare uno sguardo intenso e ammaliante. Ma cosa sono esattamente? Come bisogna applicarle ?  Lo scoprirete leggendo questo articolo!

Le ciglia finte possono essere un valido aiuto per il vostro make-up, sopratutto in occasione di una serata speciale o di una cerimonia! Sono la salvezza per tutte le ragazze che non hanno ciglia tanto voluminose o poco folte; ma anche per chi non riesce proprio a farne a meno e le usano quotidianamente!

Ma attenzione, le ciglia finte possono trasformarsi da migliori amiche alle vostre peggiori nemiche al mondo. La loro applicazione potrebbe svelarsi un vero disastro,  è dunque importante saperle mettere bene, conoscere le tipologie e selezionare quelle più adatte ai vostri occhi!

Sapevate che le prime ciglia finte risalgono agli anni’70 e furono inventate da Paggy S. Jacobs, anche se alcune testimonianze riportano la loro creazione nei primi anni del ‘900!

Le varie tipologie

Esistono diverse tipologie di ciglia finte, che possono essere scelte in base al tipo di look desiderato: look naturale e fresco, drammatico o molto intenso!

Ma veniamo a noi, quelle più utilizzate si chiamano a nastro che seguono l’intera lunghezza dell’occhio: è necessario applicarle facendole aderire bene alla rima cigliare. Possono essere tagliate e incurvate in base alle proprie esigenze.

ciglia-finte

Ci sono poi le ciglia finte a ciuffetto: si tratta di ciglia singole che sono più delicate e leggere e possono essere applicate anche solo in alcune parti dell’occhio, dove per esempio mancano, sono meno folte o verso la fine per dare più profondità all’occhio! Tra le due, queste ultime sono più difficili da applicare, per metterle perfettamente ci vuole pazienza, manualità ed esperienza!

ciglia-finte

Queste sono le due tipologie principali di ciglia finte, esistono però anche quelle colorate, con gli strass, con le piume, a led, quelle magnetiche e chi più ne ha più ne metta. Diciamo che le prime due sono adatte ad un look più sobrio e naturale e quelle colorate per una serata stravagante che richiede un trucco un pò strong!

 

Come applicarle?

Prima di tutto, misurate le ciglia finte sul vostro occhio, se sono troppo lunghe, tagliatele, calcolando sempre una lunghezza minore rispetto a quella del vostro occhio! Per aiutarvi, applicate l’eyeliner in modo da avere una linea su cui poggiare le ciglia finte!

A questo punto dovete applicare le ciglia finte, prima però mettete un velo di colla su di esse e con una pinzetta per le sopracciglia iniziate l’applicazione partendo dall’estremità interna andando verso l’esterno con estrema delicatezza !

Per staccarle poi vi basterà semplicemente tirarle via. Noi vi consigliamo di non azzardare la vostra prima esperienza di ciglia finte in occasione di una serata speciale o cerimonia, fate prima qualche prova ed un pò di pratica e poi potete permettervi di utilizzarle in occasioni importanti.

 

Quanto durano ?

Sappiate che trattandosi di occhi, è sempre meglio acquistare un prodotto di qualità, che vi permetterà inoltre di riutilizzarle più volte (ricordate però di rimuovere la colla dopo ogni utilizzo).

Quando state per rimuoverle, ammorbidite la colla con un dischetto di cotone bagnato con acqua micellare. Poi poggiatele su di una salvietta o un panno ed eliminate bene ogni residuo con un bastoncino di cotone!

Eccovi tutti i segreti per applicare le ciglia finte in maniera corretta! Fateci sapere le vostre esperienze !

Brufoli sottopelle: cosa sono e come eliminarli?

brufoli-sottopelle

Brufoli sottopelle: scopriamo insieme tutto ciò che c’è da sapere per combatterli nel migliore dei modi!

 

I brufoli sottopelle sono dei tremendi foruncoli antiestetici, che non si possono schiacciare perché non hanno la “testina” bianca, non si coprono facilmente, arrossano la zona interessata e provocano dolore, rovinando l’intero incarnato, insomma un vero e proprio dramma femminile! Cosa fare per eliminare questi odiosi brufoletti? Iniziamo dal principio e scopriamo cosa sono e quali sono le cause della loro comparsa!

Cosa sono i brufoli sottopelle?

I brufoli sottopelle si presentano come delle sottospecie di protuberanze sottocutanee che possono essere di varie dimensioni e forme.

brufoli-sottopelle

Esistono essenzialmente due tipi di brufoli sottopelle:

  • le pustole: piccole, rosse, infiammate e contenenti pus ma senza testina bianca;
  • le papule: sempre piccole, non sempre arrossate e senza testina.

Spesso i brufoli sottopelle si presentano a gruppi e sono i peggiori da eliminare.

È importante sapere come trattare questi brufoli, sappiate che premendoli potreste andare incontro alla creazione di una cisti, quindi a volte se non vi rivolgete ad un dermatologo, è meglio lasciar stare.

Cause dei brufoli

I brufoli sottopelle si formano solitamente in seguito a processi infiammatori del follicolo, all’interno del quale si accumulano pus e batteri. Le cause che provocano questo processo possono essere diverse:

  • alterazioni ormonali: nell’adolescenza o nel periodo premestruale o durante la gravidanza;
  • scarsa detersione della pelle: se non ci si deterge bene è più probabile che si accumulino le impurità che di conseguenza ostruiscono i pori e causano la formazione dei maledetti brufoli sottopelle;
  • utilizzo di prodotti troppo aggressivi o irritanti: è importante individuare il proprio tipo di pelle e trovare i prodotti adatti ad essa;
  • eccessiva produzione di sebo;
  • stress o uno stile di vita non regolare;
  • eccessivo consumo di fumo o alcolici;
  • alimentazione scorretta;
  • eccessiva esposizione al sole!

Come rimediare ai brufoli?

Sicuramente non con la spremitura! Si sa, tutte le donne alla vista di un brufolo, non possono fare a meno di schiacciarlo, ma quando la testina non è visibile e non è bianca ma solo sensibile al tatto, non dovete assolutamente cercare di premere per far uscire il pus! L’unico risultato che otterreste sarebbe quello di duplicare il problema e poi dover fare i conti con una cisti, una cicatrice o un’infezione!

Quindi la soluzione migliore (seppur banale) per combattere i brufoli sottopelle è quella di adottare una corretta routine che comprenda:

  • detergente per il viso che sia purificante ma che al contempo non disidrati la pelle;

brufoli-sottopelle

  • un trattamento idratante e lenitivo per ristabilire l’equilibrio della pelle;
  • un trattamento che permetta di calmare l’infiammazione;
  • una crema o un gel che asciughi l’eventuale sebo in eccesso e che esfoli la pelle!

Non dimenticate inoltre di scegliere i prodotti per la vostra routine con un criterio preciso e adatto alle vostre esigenze, leggete bene gli INCI prima di acquistare e assicuratevi di prendere prodotti senza parabeni e paraffine possibilmente biologici e con prodotti naturali. Se la vostra è una condizione difficile da trattare in casa, rivolgetevi ad un dermatologo, altrimenti potreste peggiorare la vostra condizione!

 

Il colore bianco: protagonista d’estate e d’inverno!

colore-bianco

Il colore bianco è stato eletto come colore più gettonato dell’estate, ma attenzione attenzione, anche d’inverno sarà d’obbligo avere qualche capo di colore bianco.

Seppure il colore bianco faccia pensare all’estate, che ahimè giunge a termine, i trend del futuro 2020 dicono che il bianco sarà protagonista anche in inverno. Un colore chic, minimal e raffinato.

Tra i pezzi estivi bianchi che verranno indossati fino alla fine dell’anno ci sono sicuramente:

  • Il tailleur pantalone: decretato addirittura più cool nella versione bianca che in quella nera! Esalta al massimo la silhouette femminile;
  • La camicia bianca: versatile ed indiscussa protagonista di tante mode, seppur classica, è un evergreen per niente scontata!
  • Abito di colore bianco in jersey oppure tubino con spalline sottilissime, che in inverno sarà abbinato ad una giacca ed uno stivale alto;
  • Bermuda in cotone effetto denim o usured, tra i più usati dalle influencer, anch’esso un capo estivo facilmente abbinabile anche in inverno con una calzamaglia o uno stivale da ginocchio;

colore-bianco

Passiamo agli accessori

Anche gli accessori di colore bianco saranno largamente concessi in inverno, partendo dall’amica di ogni donna: la borsa, maxi o mini, purché sia bianca! Potrete adattarla a lavoro, per un aperitivo o per un’uscita serale, sia in estate che in inverno!

colore-bianco

Le scarpe? Rigorosamente bianche! Nella stagione estiva: in versione aperta, bassa e contemporanea; in quella invernale: preferibilmente alta, a stivaletto, oppure stivale alto !

 

Il look total white

La nuova eleganza ha stabilito che un look total white è quasi alla pari con un look total black!

Chic, elegante e alla moda, sono questi gli aggettivi che descrivono gli outfit di colore bianco.

Dalla giacca alla scarpa, il bianco è la nuova tendenza.

colore-bianco

Assolutamente importante è ricordarsi che indossare un indumento bianco o un look total white, comporta la massima attenzione: il bianco si sporca facilmente, quindi badate al trucco e a dove vi appoggiate, non vogliamo brutte sorprese nel bel mezzo di una serata importante!

 

E voi siete felici di questo nuovo trend? Aggiungerete un capo di colore bianco nel vostro guardaroba o rimarrete fedeli al nero?

 

Come vestirsi per un colloquio di lavoro?

vestirsi-colloquio-lavoro

Come vestirsi per un colloquio di lavoro: cosa indossare per un’occasione che potrebbe stravolgerci la vita? Ecco una linea guida per voi 🙂

Ci sono occasioni, come quella del colloquio di lavoro, in cui tutta la consapevolezza sul proprio modo di vestire svanisce nel nulla per dare spazio ad ansia e paura: OGGI SCOPRIAMO INSIEME COME VESTIRSI PER UN COLLOQUIO DI LAVORO!

Il dilemma di come vestirsi per un colloquio di lavoro è davvero molto comune: sfoderiamo la mise più bella che abbiamo nell’armadio rischiando di essere definite “esagerate” oppure puntiamo tutto sulla semplicità?

Tra i due litiganti il terzo gode: la via di mezzo tra eleganza e semplicità è quella che vince! No all’overdressed ma neanche alla banalità!

Eccovi qualche look da cui prendere un pò di ispirazione !

Il completo: l’outfit perfetto per non sbagliarsi.

Il tocco un pò boy per essere raffinate e sobrie è sicuramente quello di un completo dal taglio sartoriale, dunque il classico giacca e pantalone, con una camicetta dalla nuance tenue, nude, bianca, chiara oppure di un colore non eccessivamente acceso, magari decorata da un fiocco sul collo, che completerà il look nel migliore dei modi.

come-vestirsi-per-un-colloquio

Il coordinato: la tendenza di quest’anno

Il coordinato è l’outfit più trend di quest’anno. I completi coordinati sono davvero bellissimi, ma anche qui: attenzione a non strafare!

Una maglia, una camicia oppure una giacca coordinati al pantalone e abbinati ad un mocassino vi daranno quel tocco di modernità e classicità allo stesso tempo!

come-vestirsi-per-un-colloquio

come-vestirsi-per-un-colloquio

La giacca femminile: l’accessorio più importante

Per far colpo ad un colloquio di lavoro, la tua migliore alleata è la giacca! Un bel taglio che cade su spalle e fianchi, farà gran parte del lavoro.

Una giacca originale, abbinata ad un look semplice come un jeans, T-shirt bianca e décolleté renderanno la tua presenza un bagliore nella stanza!

Che colore scegliere per un colloquio?

È importante anche qui scegliere con semplicità: colori non troppo vivaci, o al massimo indossate un solo capo molto colorato che faccia contrasto con il resto dell’outfit di colori neutri.

Il nero è sempre la scelta più sicura, ma non obbligata, potresti optare per il beige, il cipria, il grigio, il blu navy, un marrone importante.

 

E per quanto riguarda il make-up, qual è la scelta migliore?

È scontato consigliarvi di arrivare ben curata al colloquio, mani, unghie e capelli sempre perfette! Non esagerate con il profumo e tanto meno con il trucco; solo il giusto necessario per farti sentire sicura di te! Tonalità naturale e un leggero tocco di mascara!

come-vestirsi-per-un-colloquio

Scegliete l’outfit a seconda del tipo di colloquio

Per come vestirsi per un colloquio di lavoro è anche giusto avere ben in mente che tipo di colloquio si farà, per quale azienda o compagnia. Analizzatela capendo bene di cosa si occupa e più o meno come potrebbero vestirsi i dipendenti, in modo tale da non arrivare e sentirsi fuori luogo dal contesto.

Ad esempio se l’azienda in questione è di moda, potreste azzardare qualche abbigliamento più vivace, ma se si tratta di un colloquio in banca, più semplicità più possibilità di trasformare il colloquio in un LAVORO!

Ecco come vestirsi per un colloquio di lavoro, e voi quale opzioni preferite?

Ginnastica facciale contro le rughe del viso !

ginnastica-facciale

La ginnastica facciale  rende il viso più luminoso e tonico, curiose di scoprire insieme come combattere i segni del tempo con la giusta ginnastica per il viso?

La ginnastica facciale è importante per tenere i muscoli del viso in allenamento. All’interno di esso ci sono ben 70 muscoli ed è essenziale saperli tonificare ed allenare costantemente così come alleniamo il nostro corpo in palestra.

Non serve ricorrere alla chirurgia estetica, vi basteranno 10 o 15 minuti di ginnastica facciale quotidiana per distendere le rughe, ravvivare il colore della pelle ed eliminare il doppio mento.

Non è necessario arrivare ai 40 anni per cominciare questo tipo di allenamento! Come in tutte le cose prevenire è meglio che curare, quindi iniziare la ginnastica facciale a 25 anni non può che farvi del bene!

Potrete infatti notare numerosi miglioramenti nell’aspetto del viso anche dopo solo un mese di allenamento. L’importante è la costanza !

Siete pronte a scoprire in cosa consiste la ginnastica facciale? 

ginnastica-facciale

Missione: eliminare i segni del tempo

Le prime rughe che compaiono sul viso sono le classiche “zampe di gallina“, le peggiori nemiche dello sguardo di ogni donna. Trattandosi di muscoli, la ginnastica facciale è perfetta per migliorare la circolazione.

Chiudete gli occhi lasciando aperta solo una piccola fessura, posizionate gli indici ai lati esterni e tirate la pelle verso l’esterno. Mantenete la posizione e poi lasciate rilassare il muscolo.

Passiamo alla zona contorno occhi:

Sbattete ripetutamente le ciglia per almeno 20 volte, così stimolerete la circolazione che attenuerà il colore scuro e antiestetico delle occhiaie.

 

Lezione di ginnastica facciale

ginnastica-facciale

  1. La grande “O”: avete presente L’Urlo di Munch? Beh è questa la posizione finale da raggiungere con la bocca; coprite completamente le arcate dentali con le labbra e tirate il mento verso il basso. Si formerà una “O” stretta, potete aiutarvi anche con le mani per rendere l’esercizio più difficile ed efficace, tirandovi la testa dalle tempie. Rimanete in posizione per 15 secondi e ripetete per almeno 3 volte.
  2. Per rilassare i muscoli della bocca e della mandibola chiudete la bocca e fate girare la lingua a 360 gradi davanti ai denti.
  3.  Per i muscoli intorno agli occhi, mettete le dita a cannocchiale intorno agli occhi e chiudete gli occhi come se voleste mettere a fuoco qualcosa in lontananza.
  4. Ancora per la bocca:  infilate le punte degli indici negli angoli della bocca, cercando di allargare le labbra il più possibile. Opponete resistenza per stirare al meglio la zona.
  5. Per quanto riguarda le rughe d’espressione della fronte dovete sollevare le sopracciglia senza corrugare la fronte, utilizzate gli indici delle mani per contrastare il movimento e spianare le rughe.
  6. Per ridurre il doppio mento invece, mettete una mano aperta sotto la mandibola e provate a spingere con il mento contro la mano mentre quest’ultima oppone resistenza. Qui i muscoli lavoreranno parecchio e dopo poche sedute di ginnastica facciale, potrete dire addio al doppio mento!

 

Svelati questi simpatici esercizi, adesso non vi resta che iniziare le vostre lezioni di ginnastica facciale quotidiane! 

Come schiarire i capelli in modo naturale !

schiarire-i-capelli

Se avete voglia di una chioma dorata, ma non sapete come schiarire i vostri capelli in modo naturale, leggete l’articolo per scoprire tutti i consigli utili !

Siete curiose di scoprire come schiarire i capelli in modo naturale ? Oggi abbiamo pensato a chi, specialmente in estate ha voglia di illuminare il proprio viso ed esaltare l’abbronzatura grazie ai riflessi dorati.

Schiarire i capelli non è difficile, bisogna solo capire quale procedimento scegliere in base a che tipo di capello abbiamo e soprattutto che effetto vogliamo ottenere.

Un ruolo importante lo svolge il sole, che in maniera del tutto naturale contribuisce a schiarirli, ma se proprio non volete aspettare, esistono tanti altri metodi naturali per accentuare i toni dorati. Basteranno pochi prodotti di uso domestico combinati insieme per avere un effetto speciale.

Il succo di limone

  • Preparate il succo di limone, tagliando almeno 3 limoni a metà (di più se avete i capelli corposi o molto lunghi), spremeteli cercando di ricavarne più succo possibile. Filtrate poi il succo in modo tale da non trovare i noccioli.

schiarire-i-capelli

  • Vi consiglio di non usare il succo di limone comprato perché è pieno di conservanti che non fanno bene ai capelli.
  • Aggiungete cannella e una noce di balsamo per intensificare l’effetto.
  • Aggiungete una quantità di acqua pari al succo di limone ricavato.
  • Miscelate il tutto e versate il composto in un flacone spray.
  • Agitatelo e spruzzate la soluzione sui capelli, concentrandovi nelle zone da schiarire.

 

 

 

Maggiore quantità di limone applicherete, più i capelli si schiariranno. Adesso sdraiatevi al sole e fate agire la soluzione schiarente.

 

Aceto di mele, miele e cannella

Un’altra ricetta semplice e veloce per schiarire i capelli in modo naturale consiste nel:

  • mescolare 500 ml di aceto di mele, con 250 ml di miele, un cucchiaio di cannella e uno di olio di oliva,
  • dopo aver miscelato gli ingredienti, applicate la soluzione come fosse una maschera per capelli.
  • distribuitela dunque prima con le mani e poi con un pettine a denti larghi,
  • avvolgete i capelli con la pellicola trasparente e dormiteci su,
  • rimuovete il tutto la mattina dopo con uno shampoo.

Camomilla per amica

  • Preparate una caraffa di camomilla utilizzando i fiori di camomilla secchi oppure 4 bustine.
  • Fate raffreddare la camomilla,
  • bagnate i capelli con l’impacco di camomilla, versandola su tutti i capelli se vuoi schiarirli tutti, oppure solo su alcune ciocche.
    schiarire-i-capelli
  • Anche qui l’aiuto del sole è d’obbligo per un effetto migliore.
  • Lavate poi i vostri capelli con shampoo e balsamo oppure con una maschera idratante per farli ammorbidire, perché la camomilla tende a seccarli. 
  • Una volta asciugati i capelli, i riflessi saranno visibili dopo almeno 3/4 applicazioni.

 

Il miele, esposto all’aria libera gradualmente il perossido di idrogeno ed è quindi ottimo per schiarire i capelli

  • Versate un cucchiaio di miele e 240 ml di acqua in una ciotola,
  • con una frusta amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere una miscela uniforme.
  • Applicatela sui capelli con un pennello e lasciate in posa per tutta la notte.
  • Lavate i capelli con energia perché il miele è molto appiccicoso!

schiarire-i-capelli

Eccovi i metodi per schiarire i capelli in modo naturale! Non vi assicureranno un effetto immediato ma sono molto meglio di qualsiasi schiaritura artificiale come tinte schiarenti o Balayage fai da te.

Voi quale opzione per schiarire i capelli in modo naturale preferite? 

Taglio pixie cut: moderno, fresco e sbarazzino!

pixie-cut

Il taglio pixie cut è molto di tendenza e attualmente, al contrario di ciò che si possa pensare, rappresenta la vera essenza della femminilità.

Il pixie cut è il caschetto corto per eccellenza.

Nasce negli anni ‘50 e da allora ha continuato ad essere uno tra i tagli preferiti di tante donne, in particolar modo dalle star.

La prima a sfoggiare questo tipo di taglio fu senza ombra di dubbio Audrey Hepburn; a seguirla negli anni ci sono state molte attrici, modelle e star come Twiggy, Katy Perry, Anne Hathaway, Lady Diana, Michelle Williams, Miley Cyrus, Charlize Theron, Halle Berry, Jennifer Lawrence, Natalie Portman (qui di sotto) e tante tantissime altre.

pixie-cut

Negli anni ’90 questo taglio era sinonimo di estrema eleganza e raffinatezza.

Recentemente la regina indiscussa di questo particolare taglio è stata sicuramente Rihanna che è stata capace, grazie al suo charme, di riportare questo taglio all’apice del suo successo, determinandone così una vera e propria moda.

Poco tempo fa invece fu ribattezzato come un taglio di capelli alla “maschiaccio”, ma oggi invece è quanto di più femminile ci possa essere per tante donne dalla forte personalità e consapevolezza della propria bellezza.

 

Origine del termine:

letteralmente il termine pixie cut vuol dire “taglio da folletto” proprio perché la chioma dei folletti è corta, sbarazzina e spettinata.

pixie-cut

Ci sono tagli corti di lunghezze variabili, ma sono tutti di tendenza ed anche i più richiesti. Si tratta di un taglio pratico, versatile e facilmente gestibile.

Tipologie di capelli

Il pixie cut sostanzialmente può essere realizzato su qualsiasi tipo di capelli, per questo si definisce versatile!

Con capelli ricci e mossi, lisci e sottili, corto, lungo o scalato, il pixie cut è sempre un’ottima scelta.

 

È un taglio particolarmente realizzabile sui capelli mossi o ricci, rendendo i capelli più voluminosi.

Per chi invece ha i capelli lisci, il pixie cut risulta molto elegante; ma ci si può divertire con un bel ciuffo laterale, caratterizzato dai capelli ai lati della testa molto corti, o rasati.

 Infine il pixie cut scalato è tra i più richiesti e apprezzati dalle celebrities.

 

E voi avete mai provato il taglio da folletto?