Peli incarniti: cosa fare? Quali sono i rimedi?

peli-incarniti

In estate più che mai, i peggior nemici delle donne sono i peli incarniti; volete scoprire come depilarvi in modo corretto, come prevenire i peli incarniti, ed eventualmente come curarli?

Ecco qui alcuni suggerimenti utili!

I peli incarniti specialmente all’inguine sono un fastidioso incidente antiestetico. Questo problema è particolarmente diffuso durante l’estate, periodo in cui sole, mare e costumi da bagno, costringono ad una depilazione più frequente di quella invernale.

Ma scopriamo insieme quali sono i motivi della comparsa dei peli incarniti e come rimediare!

 

Cosa sono i peli incarniti?

Sostanzialmente parliamo di peli che non riescono a venir fuori, o meglio non riescono a crescere nella loro traiettoria naturale e dunque crescono lateralmente o verso il retro.

Non riuscendo a trovare una via di uscita, rimangono incastrati nella pelle, creando una conseguente irritazione, che provoca rossore, gonfiore, talvolta bruciore e prurito.

peli-incarniti

I sintomi vengono alimentati dall’esposizione al sole e anche dall’acqua di mare.

Nonostante siano le donne quelle a soffrire maggiormente di questo problemino, anche gli uomini ci hanno spesso a che fare.

 

Le cause dei peli incarniti

I peli incarniti derivano da una depilazione frettolosa, non corretta o effettuata nel verso sbagliato, o anche per rasature frequenti a distanza di pochi giorni.

Nonostante il rasoio ci può sembrare il nostro più grande alleato, spesso ricorrere alla lametta, non è la scelta migliore, specie per chi è molto peloso o ha peli molto spessi.

peli-incarniti

Il problema sussiste anche con la ceretta e la pinzetta. Anche qui è facile la formazione di peli incarniti.

Insomma nessuna di queste soluzioni vi assicura una pelle liscia senza “incidenti di percorso”, questo perché purtroppo è difficile che i peli vengano estratti dalla radice.

La soluzione più efficace è il laser, il quale agisce direttamente sul pelo, indebolendolo fino a non farlo crescere più.

 

Come rimuoverli

  • Disinfettate una pinzetta e rimuovete il pelo incarnito prestando attenzione a non romperlo. Questa pratica richiede molta attenzione e precisione.
  • Potete utilizzare delle creme depilatorie che indeboliscono il pelo e che molto probabilmente cadrà. Questa opzione però è meglio evitarla all’inguine.
  • Un’altra soluzione può essere quella di applicare acqua e sale sulla parte interessata, aspettate qualche minuto e sciacquate. Il sale facilita la fuoriuscita del pelo.

Sali di epsom: cosa sono e quali sono i loro benefici?

sali-di-epsom

I Sali di epsom sono conosciuti come “Sali inglesi” ma in realtà si tratta di minerali derivanti dall’epsomite, da cui prendono il nome, ossia il magnesio solfato. Volete scoprire tutti i dettagli dei Sali di Epsom? Continuate a leggere l’articolo!

I Sali di epsom possiedono numerose proprietà utili a depurare l’organismo, e non solo!

Vengono così chiamati perché scoperti alle sorgive di Epsom, un luogo della Gran Bretagna. L’aspetto dei Sali di Epsom è molto simile a quello del sale grosso da cucina, ma i loro benefici sono molto diversi.

 

Benefici dei Sali di epsom

  • Combattono la stitichezza,
  • Depurano l’organismo,
  • Eliminano le tossine,
  • Liberano da calcoli biliari o al fegato
  • Riducono ematomi provocati da lividi o gonfiori
  • Possiedono qualità rilassanti quindi sono perfetti per la cura e la bellezza della persona,
  • Rigenerano la pelle
  • Funzionano da scrub esfoliante.

Ma la lista non è finita qui, un semplice bagno serale con i questi sali sciolti nell’acqua, aiuta a:

  • Rilassare i muscoli,
  • Attenuare i dolori,
  • Regolare il battito cardiaco,
  • Alleviare mal di testa.

I Sali vengono utilizzati anche per donare volume ai capelli, per chi ha capelli molto sottili.

 

Come usare i Sali

Come già detto è possibile utilizzare i Sali di Epsom sciogliendoli in una vasca di acqua calda.

Per quanto riguarda invece l’uso interno, il dosaggio va concordato con un medico, qui il fai da te è sconsigliato!

sali-di-epsom

Per la cura del corpo e dei capelli, è possibile unire un cucchiaio di Sali al proprio balsamo o maschera per capelli. Così verrà fuori un impacco che potrete tenere in posa sulla chioma per 30 minuti e poi procedere con lo shampoo.

Se invece avete i capelli molto grassi, potete aggiungere i Sali allo shampoo anziché al balsamo. In questo modo i Sali agiranno sul cuoio capelluto, liberandolo dal sebo.

Per il viso invece potete miscelare il detergente che usate quotidianamente con i Sali per eliminare le tossine e purificare la pelle.

È possibile acquistare i Sali di Epsom in farmacia o in erboristeria, oppure online su Amazon. Il loro prezzo è di circa 10 euro al chilo per l’uso esterno e di 30 euro al chilo per uso interno.

Black mask: il ritorno della maschera nera

black-mask

Ritorna la black mask, la maschera che combatte tutte le impurità, soprattutto nel periodo estivo in cui la pelle è soggetta a caldo, sudore e lucidità.

Tutte voi conoscerete sicuramente la black mask, una maschera al carbone vegetale che elimina batteri di ogni tipo, senza seccare la pelle. Ha una consistenza gelatinosa o in tessuto ed è anche riproducibile in casa.

È uno tra i prodotti di cosmesi più discussi da ormai un anno a questa parte.

La maschera ha origini giapponesi e coreane, è proprio da qui che è cominciato l’utilizzo matto e disperato di questa maschera, riprodotta a livello mondiale da ogni azienda di cosmesi possibile ed immaginabile in commercio!

 

Le proprietà del carbone vegetale

La black mask è come detto prima, a base di carbone vegetale, che ha delle grandi proprietà antibatteriche e antimicotiche, ed è in grado di attirare le impurità verso la superficie in modo da liberare il viso e renderlo pulito e liscio.

Data l’importanza del carbone all’interno di questa maschera, prestate estrema attenzione all’INCI del prodotto che acquistate.

Sull’etichetta dovete leggere che il principale ingrediente è il carbone e non colorante nero, o altro!

 

Cosa fare per ottenere una buona efficacia

Per qualsiasi trattamento viso è importante preparare la pelle per ottenere il massimo risultato.

Inutile dire che struccarsi è il primo step, poi effettuate una sauna viso per dilatare al meglio i pori, per farlo potete riempire una coppa di acqua bollente e avvicinare il viso coprendovi il capo con un asciugamano per non far disperdere il calore. Oppure semplicemente utilizzate un panno caldo.

A questo punto i vostri pori saranno dilatati e pronti alla black mask.

black-mask

Applicate la maschera evitando il contorno occhi e tenetela in posa per quanto è indicato sul vostro prodotto, in genere non si superano i 30 minuti.

Vedrete che si formerà una sottospecie di pellicola, la quale andrà rimossa quando sarà del tutto secca.

A questo punto non vi resta che rimuovere la maschera partendo dalla parte inferiore del viso e sollevandola lentamente.

 

Ogni quanto fare la black mask?

Sappiate che la black mask è un trattamento molto stressante per la pelle perché interessa tutto il viso. Una professionista ad esempio non agirebbe mai sull’intero volto con la pulizia del viso.

black-mask

Il peel-off che è l’azione della black mask è molto simile allo strappo di una ceretta, quindi andateci piano!

Utilizzate la black mask una volta ogni due settimane, soprattutto se la vostra è una pelle sensibile e delicata.

Dopo aver rimosso la black mask è importante ripristinare l’idratazione della pelle con una crema idratante e calmante.

Buon trattamento a voi tutte !

Abbronzatura estiva: come esaltarla al meglio?

abbronzatura-estiva

Avete voglia di accendere la vostra abbronzatura estiva ma non riuscite a capire come? Leggete l’articolo e seguite i nostri consigli per avere un’abbronzatura dorata, luminosa e soprattutto duratura!

L’abbronzatura estiva è il più bel accessorio che una donna possa indossare; avere una pelle luminosa, compatta e abbronzata fa sembrare più belle.

Come in tutte le cose però, mai eccedere! Un colorito marrone non è bello (a meno che non abbiate la carnagione scura) e soprattutto prendere tanto sole o sottoporsi a lampade frequenti non è per niente salutare per la pelle.

L’abbronzatura sfrenata è infatti passata di moda, ma quella dorata è diventata un’ossessione per molte donne. Tant’è che di creme abbronzanti o coloranti ne esistono di ogni tipo e per ogni occasione, ma noi vogliamo un’abbronzatura vera e naturale, niente creme che macchiano, niente olio sulla pelle…noi ci vogliamo abbronzare davvero!

Se ahimè sei una donna come me dalla carnagione chiara, non temere, un incarnato più colorito non è impossibile. Ci sono tanti piccoli trucchi per poterlo ottenere! Scopriamoli insieme!

Curare la pelle è la cosa principale per ottenere una bella abbronzatura

  • Prima di sottoporsi al sole, è importante ricordare di esfoliare la pelle con uno scrub in modo tale da eliminare le cellule morte e illuminare e rinvigorire la pelle. Una volta alla settimana è la giusta cadenza per un’efficacia ottima!
  • Anche l’idratazione vuole la sua parte, idratare la pelle prima e dopo il sole; crema protettiva prima dell’esposizione e anche prima di uscire di casa durante il giorno è la soluzione migliore per evitare scottature e per ottenere un incarnato uniforme.
  • Utilizzate un olio secco dalla texture luminosa, che donerà luce alla vostra pelle e conserverà l’abbronzatura. Se poi sono formule profumate, ancora meglio, due funzioni in uno stesso prodotto!

abbronzatura-estiva

Il make-up è il miglior alleato dell’abbronzatura

Illuminate il volto con blush dorati, che enfatizzano l’abbronzatura in modo sensuale e sofisticato.

Per un’uscita serale invece scegliete l’effetto dell’illuminante che brilla e appunto illumina l’incarnato.

Un ombretto bronzo o ramato è quello che ci vuole per dare l’ultimo tocco a questo make-up per l’abbronzatura estiva.

 

 

Filler labbra: la tendenza femminile e non, del momento!

filler-labbra

Il filler labbra è diventata una vera e propria tendenza, ci sono donne…ma anche uomini che non possono più farne a meno!

Uno dei trattamenti più richiesti e gettonati del momento è il filler labbra. Il desiderio estetico di avere labbra grosse, carnose e perfette è la moda più ambita da tutti.

Come ogni trend, anche il filler labbra è partito dalle star, chi in maniera molto soft e naturale chi con estrema esagerazione, hanno ceduto al filler labbra e poi di lì è diventata una mania per chiunque.

Spesso purtroppo il filler labbra è davvero brutto da vedere, anziché migliorare il viso e il sorriso di una persona, possono peggiorarlo, sproporzionando le labbra al resto del viso e distruggendone i lineamenti naturali.

 

Cosa è il filler labbra

È un trattamento che consiste nell’introduzione di acido ialuronico nelle labbra. L’acido penetrando nei tessuti, ne aumenta il volume donando un aspetto più carnoso e pieno alle labbra.

È definito un trattamento mini invasivo perché non rilascia cicatrici.

filler-labbra

 

Perché sottoporsi a questo trattamento?

Il motivo per cui molti si sottopongono al filler è l’età. Con l’avanzare degli anni, il livello di acido ialuronico nel corpo, diminuisce e tende a “rimpicciolire ed appiattire” le labbra formando delle piccole rughe.

filler-labbra

Un filler rimedia al rimpoplpamento ed alle rughe, ed è quindi perfetto per chi di invecchiare proprio non ne vuole sapere.

Il punto è che purtroppo tante ragazze giovanissime decidono di provare il filler per avere delle labbra più carnose e non sempre è una buona idea!

 

 

Quanto tempo dura un filler labbra? È doloroso?

Non è permanenete, motivo per cui molte donne se lo fanno e rifanno più volte. Ma l’efficacia diminuirà nel tempo, quindi più ci si sottopone ai filler più il corpo si abituerà all’acido e lo assorbirà sempre più velocemente.

Il risultato va dai 6 ai 9 mesi, l’acido va via progressivamente sgonfiando di conseguenza le labbra.

Il filler non è doloroso, o meglio è abbastanza sopportabile, sono piccole punturine, quindi niente di così amaro. La durata dell’intervento è di circa 30 minuti.

 

Come sottoporsi al filler labbra

Innanzitutto come per ogni cosa, è necessario informarsi, è pur sempre un intervento, anche se poco invasivo e di breve durata è bene sapere cosa ci si inietta!

Affidatevi a qualcuno di competente,  chiedete informazioni in giro e assicuratevi di mettervi nelle mani di una persona esperta, che non abbia mai rovinato il viso a nessuno.

Non fidatevi di chi vi offre un servizio ad un prezzo stracciato o non in una struttura sanitaria, sappiate che un filler labbra di qualità ha un costo minimo di 200 euro e massimo di 500 euro.

Siate pronte a pagare di più, ma assicuratevi di essere nelle mani di un esperto.

 

Scrub corpo per una pelle liscia, setosa e invidiabile!

scrub-corpo

Lo scrub corpo è utile ad esfoliare la pelle, togliere le impurità e ad aiutare il rinnovamento dei tessuti!

Lo scrub corpo è un’operazione che spesso associamo al viso, ma che in realtà apporta infiniti benefici a tutto il corpo. Essendo composto da una parte granulosa ed una gelatinosa, lo scrub corpo è capace di eliminare le cellule morte e di rendere la pelle luminosa, morbida e setosa al tatto; aiuta inoltre ad eliminare tutte le cellule morte, con conseguente pelle morbida ed elastica.

Quando fare uno scrub corpo e ogni quanto?

L’ideale sarebbe quello di farlo una volta alla settimana! Fare troppi scrub sarebbe controproducente perché esfolierebbe eccessivamente la pelle rendendola troppo secca.

Il momento ideale per fare lo scrub corpo è durante la doccia, perché si preferisce la pelle bagnata o umida piuttosto che asciutta perché sarebbe troppo aggressivo.

Seppur il principio dello scrub corpo è lo stesso di quello del viso, è meglio utilizzare uno scrub più delicato per il viso ed uno più strong per il corpo perché la pelle del corpo è più dura, spessa e resistente rispetto a quella del viso che è molto più sensibile.

Scrub fai da te

Come dicevo prima, ogni scrub è composto da una parte granulosa ed una gelatinosa. Per questo è facilmente riproducibile anche a casa. Se siete amanti del fai da te, continuate a leggere!

Il caffè, lo zucchero o il sale sono i principali ingredienti granulosi.

Il burro, l’olio, il miele o lo yogurt possono costituire la parte gelatinosa.

 

scrub-corpo
  1. Kiwi, sale grosso, olio d’oliva e succo di limone, mescolate gli ingredienti e massaggiate su tutto il corpo;
  2. Uno scrub profumato è quello con arancia, zenzero, zucchero di canna e olio essenziale di cannella;
  3. Il cacao in polvere, unito allo zucchero di canna e all’olio di mandorle dolci è perfetto per riattivare la circolazione;
  4. Lo scrub più semplice in assoluto è invece realizzato con soli due ingredienti: sale e olio!
  5. Se invece siete amanti del caffè in tutto e per tutto, non buttate i fondi di caffè e unite ad essi sale, olio e qualche goccia di olio essenziale.

Scrub anticellulite:

Lo scrub corpo fai da te con il caffè è perfetto per chi oltre ad un’azione esfoliante desidera anche quella anticellulite. Il caffè abbinato al sale grosso svolge un’azione super drenante e aiuta a sciogliere il grasso in eccesso.

Unite dunque fondo di caffè, sale grosso, olio d’oliva e gocce essenziali di limone.

Se eseguito con costanza apporterà numerosi benefici ben visibili.

Scrub per peli incarniti:

Un fastidioso problema con cui noi donne ci troviamo a combattere spesso e volentieri sono i peli incarniti.

Lo scrub corpo composto da:

  • succo di limone
  • sale grosso
  • miele

vi aiuterà a combattere i peli incarniti. Il succo di limone ha proprietà schiarenti e cicatrizzanti, il sale grosso è purificante così come anche il miele. L’insieme di questi ingredienti è perfetto per contrastare i fastidiosi peli incarniti.

 

Burro di Karitè: fa magie per corpo e capelli!

burro-di-karitè

Il burro di Karitè ha numerose proprietà e benefici, siete curiose di scoprirli ? Vediamo insieme!

Il burro di Karitè viene estratto da una pianta che cresce in Africa, il cui frutto contiene la noce di Karitè, interamente costituita da grassi.

Dopo essere stato spremuto a freddo, prende un colore chiaro e ha l’aspetto di una pasta. Il burro di Karitè per le donne africane è parte integrante della routine quotidiana: utilizzato in cucina, per la cura del corpo e dei capelli, per massaggiare e per cicatrizzare le ferite e per rendere luminosa la pelle dei bambini.

È molto usato per la creazione di cosmetici e prodotti per la cura della persona, perché contiene delle sostanze che non perdono le loro proprietà a contatto con altri ingredienti.

Le proprietà del burro sono numerose e preziose:

  • nutrienti;
  • idratanti;
  • protettive;
  • lenitive;
  • antiossidanti;
  • rigeneranti;
  • emollienti.

burro-di-karitè

Il burro di Karitè per il viso

  • Perfetto per la pelle secca e di conseguenza spenta e opaca, grazie alle sue proprietà idratanti e nutrienti è capace di donare nuovamente vita alla pelle, rendendola più luminosa, elastica e idratata;
  • Protegge la pelle del viso anche dallo smog della città e dagli agenti atmosferici, ottimo per chi fa lunghe passeggiate o va a lavoro in bici.
  • Va bene anche sulle labbra screpolate al posto del burro cacao; conservato in un piccolo vasetto che si può tenere sempre in borsa.
  • Ha un’ottima azione schermante dei raggi UV, dunque protegge la pelle dalle radiazioni.

burro-di-karitè

  • Ma non è finita qui, il burro di Karitè si può anche utilizzare per realizzare degli scrub in casa, aggiungendo altri ingredienti come lo zucchero di canna. Dopo lo scrub la vostra pelle sarà più morbida e vellutata.
  • Infine parliamo di occhiaie; il burro di Karitè, con le sue proprietà cicatrizzanti è un ottimo contorno occhi ed è anche utile a brufoli e impurità, che andranno via molto più facilmente.
  • Se applicate un abbondante strato di burro su tutto il viso e lo lasciate in posa per una decina di minuti, come se fosse una maschera, il risultato vi sorprenderà, avrete una pelle morbida, soffice e molto più elastica!

Per il corpo

Il burro di Karité è un ottimo anti-age, previene infatti le rughe, rende la pelle più elastica e tonica; contrasta anche l’invecchiamento cellulare e attenua i segni del tempo già evidenti.

Durante la gravidanza vi consiglio di utilizzarlo su gambe, seno e pancia per prevenire le smagliature. Anche dopo il parto potete utilizzarlo sulla pelle delicata dei vostri bimbi.

Dopo la doccia è possibile utilizzarlo come crema corpo e crema mani, fortifica persino le unghie!

Per i capelli

Aiuta ad idratare e chiudere le punte danneggiate, la secchezza, le irritazioni, la forfora e le dermatiti. Ed è ottimo anche come balsamo o maschera. Non abbondatene se avete il capello grasso.

Proprietà cicatrizzanti

Le sue proprietà cicatrizzanti e antibatteriche sono utili per curare eritemi, scottature solari, ustioni, dermatiti, psoriasi, punture di api e insetti in genere, screpolature, irritazioni, escoriazioni ed eruzioni.

Utilizzato anche per alleviare dolori articolari e muscolari e contusioni.

Insomma il burro di Karitè è un vero e proprio tocca sana per tutto il corpo e tutta la famiglia.

Jumpsuit che passione: comodità e tendenza!

jumpsuit

Le jumpsuit sono il capo must-have di molte donne; il connubio perfetto tra comodità e tendenza

Nell’indecisione quotidiana sul classico “ma che mi metto“? la soluzione ad ogni domanda è una jumpsuit. Un capo completo, che ti leva da ogni impiccio, pronto a salvarvi in qualsiasi occasione per via del suo stile elegante ma al contempo comodo e pratico!

Chi l’avrebbe mai detto che una tuta potesse diventare il salva vita delle donne? Ebbene si, le jumpsuit sono un vero e proprio passepartout, chic, di tendenza, adatte ad ogni occasioni e super comode!

Sembra impossibile, ma questo capo esiste davvero !

 

jumpsuit

Una tendenza adatta a tutte le occasioni

Quella che un tempo era una semplice tuta è oggi una jumpsuit estremamente di tendenza.

Di jumpsuit, o anche dette tutoni, ne esistono un’infinità, perfette per qualsiasi occasione:

  • da sera, quindi eleganti e adatte ad un evento, cerimonia o party, con scolli profondi, paillettes o ricami;
  • con pantalone a palazzo, largo e leggero, per un cocktail sulla spiaggia;
  • i tutoni basic, con fantasia rigata, floreale e chi più ne ha più ne metta, da indossare in ogni momento della giornata e perché no anche a lavoro;
  • quelle denim e streetstyle, per una giornata in cui ci si sente alternativi e si ha voglia di cambiare;

jumpsuit

Ma sono adatte a qualsiasi silhouette?

La risposta è assolutamente si! Essendo composte da pantalone di qualsiasi dimensione e forma e o una canotta o una maglia o una camicia, ce ne sono di ogni tipo.

Jumpsuit adatte a qualunque fisico; esistono modelli e modelli, ciascuno di essi è in grado di nascondere i difetti e valorizzare i pregi di una donna.

Per esempio ci sono le jumpsuit a vita alta che sono perfette per slanciare corpo e gambe e nascondere la pancia!

Quelle a vita bassa invece sono ideali per nascondere i fianchi e slanciare la silhouette.

Come abbinare le jumpsuit?

Gli abbinamenti possono essere infiniti, dipende dal tipo di tutone che scegliete; ad ogni modo potete abbinarle con sandali, tacchi, sneaker, giubbotto di pelle o di jeans, blazer, con borse o marsupi, in base all’occasione in cui vi trovate.

Per un’occasione speciale di sera ad esempio, una jumpsuit elegante, con ricami, che scende morbida sul corpo, completata da un sandalo con tacco e una mini bag è un abbinamento da sogno!

 

jumpsuit

Il bello delle jumpsuit è proprio questo, che anche la più semplice, se arricchita con i giusti accessori vi farà fare un figurone in ogni occasione.

Bandane per capelli per un’estate colorata!

bandane-per-capelli

Bandane per capelli, foulard e fasce: il trend estivo super femminile!

Il 2019 è l’anno delle bandane per capelli, dei foulard e delle fasce, un trend che ha spopolato come non mai prima d’ora. Colorate, in seta, in cotone, per il mare, per uscire, sono plurifunzionali, super versatili e davvero molto, molto trend. Rendono l’outfit completo anche solo indossando un jeans e una T-shirt bianca.

Ce ne sono di ogni, qualsiasi negozio ne vende ed io in primis non posso fare a meno di acquistarle ogni volta che faccio shopping. Le adoro perché sono davvero comodissime, soprattutto in estate e a mare o anche semplicemente quando la voglia di farsi i capelli è pari a zero, una bandana e via!

Attualmente il loro nome è durag, perché fa più figo e perché bandana è troppo semplice.

bandane-per-capelli

 

Quando nasce questo trend ?

In realtà la bandana per capelli è in voga sin dagli anni Settanta, utilizzata principalmente per tenere a bada gli ingestibili capelli afro, divenuta poi una moda vera e propria negli anni Ottanta, in cui Axl Rose, cantante dei Guns and Roses, la indossava ai suoi concerti, spesso sotto un cappellino.

bandane-per-capelli

Poi nel Duemila tocca a Jhonny Depp, quando sfoggia la sua bandana in diversi film, come I Pirati dei Caraibi. Ma anche Amy Winehouse, Lady Gaga, Jhon Galliano scelgono le bandane per capelli per alcuni dei loro concerti e sfilate.

bandane-per-capelli

bandane-per-capelli

Persino Chanel ne ha realizzate di diverse nelle sue collezioni.

Insomma la bandana per capelli è attualmente un must per noi donne, ma in passato lo era anche per gli uomini!

Come indossarla?

Ci sono tanti modi di indossare la bandana per capelli:

  • la più classica è all’indietro su tutta la testa, creando un effetto cuffia, con un fiocco dietro il collo che la tiene ferma;
  • come cerchietto o fascia: si può arrotolare fino ad arrivare ad essere sottilissima come una frontiera, chiusa poi da un nodo finale dietro il collo;
  • la bandana nella coda o nello chignon è un’altra idea parecchio carina ed originale;
  • in stile Axl Rose quindi intorno alla nuca ed ai capelli;
  • fascia con nodo sulla nuca;
  • bandana nella treccia.

bandane-per-capelli

Questi sono i modi più originali di indossare le bandane per capelli, ci sono infiniti tutorial sul web che vi spiegano step by step come sistemarvi la bandana a seconda dell’utilizzo che si preferisce.

 

Smalto bambine: per me è SI, ma con piccole regole !

smalto-bambine

Smalto alle bambine: farsi belle con la mamma, perché no?

In tema smalto bambine ci sono pareri parecchio contrastanti, c’è chi pensa che sia volgare e di cattivo gusto e chi invece come me lo associa a qualcosa di divertente e giocoso da fare insieme alla mamma!

Nonostante lo smalto sia un’abitudine di noi donne, io credo che rendere partecipe le nostre piccole ad un rituale di bellezza è un modo per passare del tempo insieme… tra donne!

Ovvio che ci sono delle piccole regole a cui attenersi, una bimba di pochi anni con unghie lunghe e smalto rosso, proprio NO! Ma se pensiamo a qualcosa di più colorato, divertente e allegro, più da bambina insomma, per me è un SI !!!

Alla fin fine le unghie sono fatte per essere dipinte e chi lo dice che c’è un’età da rispettare ?! Per di più lo smalto non è permanente, quindi quando ne siamo stufe lo togliamo via dalle mani delle nostre bimbe, non è mica un tatuaggio !

smalto-bambine

smalto-bambine

smalto-bambine

 

Piccoli accorgimenti

Come ho già detto io approvo lo smalto alle bambine ma con qualche piccolo accorgimento da seguire:

  • mai utilizzare lo smalto che compriamo per le nostre unghie, essendo ricchi di solventi chimici, non sono per nulla adatti alle bimbe che spesso mettono le mani in bocca;
  • non togliere lo smalto con il solvente classico cioè l’acetone perché è una sostanza troppo forte per i più piccoli;
  • utilizzare gli smalti ad acqua, studiati e creati appositamente per le bimbe.

smalto-bambine

Gli smalti ad acqua 

Lo smalto ad acqua è facilmente reperibile nei negozi di giocattoli, nelle profumerie, online su Amazon e anche in alcuni ipermercati forniti. Il loro prezzo è abbastanza economico e ci sono un’infinità di tonalità. I colori che più amo per lo smalto alle bimbe sono quelli a pastello… si adattano perfettamente alla loro età!

smalto-bambine

La differenza tra gli smalti normali e quelli ad acqua è che questi ultimi sono composti da sostanze naturali, atossiche e adatte ai bambini. Per toglierli basta semplicemente lavare le mani con acqua calda, strofinando sulle unghiette.

 

E voi mamme che ne pensate dello smalto alla bambine?