Ricetta gelato con soli due ingredienti

ricetta-gelato

Ricetta gelato con frutta e latte: la merenda fresca per tutta la famiglia

La ricetta del gelato con frutta e latte è un dessert estivo, facile, gustoso, sano e adatto a tutti. Soddisferà la vostra voglia di dolce senza però introdurre troppe calorie nel vostro corpo. È infatti ideale anche per chi vuole rimettersi in forma dopo un periodo di eccessi.

Bastano pochi ingredienti per ottenere uno snack light ma delizioso. Non ci sono uova e il latte da usare è un latte vegetale (per esempio di mandorle o di cocco o di soia, quello che più preferite). In questo modo otterrete una sfiziosità vegan e leggera perfetta anche per chi sta seguendo una dieta sana o soffre di intolleranza al lattosio!

Non ci sono aggiunte di zuccheri perché la frutta ne contiene di suo, e il latte vegetale, specialmente quello di mandorle è già  molto dolce. Preferite della frutta di stagione e possibilmente fresca.

Adesso, se vi ho fatto venire voglia di gelato e non vedete l’ora di prepararlo, possiamo passare alla fase successiva: ingredienti e procedimento della ricetta gelato !!!

 

ricetta-gelato

Ingredienti del gelato con frutta e latte

Tutto ciò che vi serve è :

  • 1 banana matura abbastanza grande
  • 100 ml di latte di mandorle
  • 150 gr di frutta fresca: scegliete quella che più preferite!

ricetta-gelato

Procedimento del gelato

La ricetta gelato è pronta per essere lavorata.

Procedete sbucciando la banana e tagliandola a pezzetti. Poi inseriteli in un sacchetto per gli alimenti.

A questo punto iniziate a tagliare a cubetti la frutta da voi scelta, e riponete anche questi ultimi in un sacchetto.

Dopo aver ottenuto due sacchetti di frutta, uno unicamente di banana e l’altro con la frutta preferita, ponete entrambi i sacchetti nel freezer e lasciateli per tutta la notte.

Piatti di pesce: l’Italia ama il seafood

piatti-di-pesce

Piatti di pesce di ogni genere, gli italiani ne vanno matti!

I piatti di pesce hanno da sempre stuzzicato l’appetito degli italiani…la parola d’ordine è seafood e poi tutti a tavola!

Oltre al problema dell’inquinamento e della sostenibilità, gli italiani sono smossi ad aiutare l’ambiente, le spiagge e i mari perché amano il pesce, i piatti di pesce, i frutti di mare, le alghe e tanto altro.

I paesi che consumano più roba di mare e si divertono in cucina con piatti di pesce prelibati quanto quelli dei ristoranti, sono quelli del Sud. Ebbene si, nonostante i pugliesi vantino un’infinità di piatti tipici, amano il mare e tutte le specialità che offre.

I ristoranti di pesce

Divenuta una mania per gli italiani, tanto da avere almeno uno tra i pasti quotidiani a base di pesce, anche i ristoranti si sono rinnovati o addirittura reinventati.

Ne spuntano di nuovi ogni giorno in tutto il territorio italiano.

E non parliamo solo dei tradizionali ristoranti di pesce ma anche di tanti posti che hanno introdotto incredibili novità.

Alcuni sono diventati davvero trendy, tanto da essere fonte di ispirazione per altri nella creazione di nuovi piatti di pesce da introdurre nel menù.

Oltre al sushi che ormai è facilmente reperibile ovunque, parlo anche di:

  • Poke hawaiano
  • Panini di pesce gourmet
  • Street food di pesce

 

piatti-di-pesce

piatti-di-pesce

Insomma i piatti di pesce stanno davvero cavalcando l’onda del momento.

È da riconoscere però l’esperienza culinaria di tanti ristoratori che sono in grado di trovare abbinamenti gustosi con il pesce, anche mischiando pesce e terra, ricavandone un risultato strabiliante.

Panini di mare con l’aggiunta di salumi particolari, uova, formaggi o verdure grigliate creano dei contrasti vincenti e sempre più richiesti.

 

Piatti di pesce gustosi da preparare a casa

Tutto ciò che è possibile nei ristoranti, lo è anche a casa, soprattutto piatti fast come panini, antipasti e stuzzichini.

Eccone alcuni tra i miei piatti di pesce preferiti:

  • crostini con crema di avocado, salmone o gamberi o tonno fresco;
  • polpette di merluzzo e patate
  • poke hawaiano con riso, tonno o salmone, avocado, mango, peperoncino e sesamo
  • panino con polpo arrosto, filetto di salmone, stracciatella, crema di zucchine
  • salmon burger con contorno di verdure
  • panino con tonno e scamorza affumicata, pomodori e cetrioli

Sono tutti facili da preparare, gustosi e sicuramente perfetti per una cena light estiva.

 

Termometro da cucina: tutto quello che c’è da sapere !

termometro da cucina

Il termometro da cucina è lo strumento più ignorato ma il più efficace ! Vediamo perché

Sapevate che il termometro da cucina è lo strumento segreto per far venir fuori un buon piatto? Vi starete domandando il perché, ma è molto semplice, perché misurare la temperatura degli alimenti vuol dire preparare piatti con maggiore attenzione. Ciò si traduce in cotture impeccabili, proprio come quelle professionali.

A cosa serve il termometro da cucina?

Ci sono circostanze ben precise in cui il termometro è indispensabile. Ad esempio se dovete monitorare i lievitati come il panettone o per la frittura, lo yogurt, il cioccolato o il caramello. E circostanze in cui non è del tutto necessario, ma per fare una bella figura potreste usarlo per servire vini, formaggi e tè alla temperatura perfetta. Apparecchiate la vostra tavola e stupite i vostri ospiti!

È utile persino per sapere la temperatura del frigorifero o del congelatore in modo tale da poterci conservare gli alimenti più facilmente deperibili come la carne o il pesce.

 

termometro-da-cucina

Quanti tipi di termometro esistono?

In linea  di massima per controllare la cottura si utilizza il termometro analogico, mentre per tutto il resto, il termometro digitale.

Più nello specifico ci sono:

  • termometro a sonda: il più diffuso a livello casalingo, funzionale per qualsiasi cosa, che sia un liquido, o il forno o il frigorifero.
  • termometro digitale: si inserisce con lo spiedo ed è conosciuto come termometro per la carne. Va inserito all’interno dell’alimento e sul display vi riporterà la temperatura precisa.
  • termometro per il cioccolato: è un termometro analogico con all’ interno il mercurio e all’esterno di plastica. Utile anche per il caramello, formaggio fatto in casa e uova.
  • termometro per fritture: quando si tratta di friggere la temperatura dell’olio è davvero indispensabile un termometro, perché la temperatura può variare molto e quindi va sempre monitorata. Sono termometri che vanno agganciati alla padella, immergendo  la sonda nell’olio.
  • termometro da forno: serve a monitorare la temperatura all’interno del forno e non degli alimenti. È inoltre una temperatura che oscilla spesso, non è mai stabile. È fatto in acciaio e  va appeso  alla griglia. È un termometro da cucina per torte e dolci.

termometro-da-cucina

Dopo aver utilizzato il termometro da cucina, va lavato con acqua e sapone la parte metallica e quella in plastica con un igienizzante, onde evitare eventuali residui. Attenzione: se vi sembra che il vostro termometro non sia più preciso, provate ad immergendolo nell’acqua ghiacciata o bollente. Se anche qui non è preciso, è necessario buttarlo.

 

 

 

Sostenibilità: come sostituire la plastica

Sostenibilità-come-sostituire-la-plastica

Sostenibilità, come sostituire la plastica con il packaging green. Scopriamo insieme tutti i prodotti con un packaging biodegradabile.

 

Oggi il problema della sostenibilità e di come sostituire la plastica è davvero molto importante.

Alla base c’è l’interesse verso la salvaguardia del pianeta e fortunatamente sono molte le persone che si orientano sempre più verso un approccio ecologico della produzione, preferendo tante alternative alla plastica.

L’ignoranza non è più un problema perché quotidianamente bombardati di notizie, immagini e post che ci raccontano tutti i danni che ha creato l’eccessivo consumo della plastica. Dunque che sia un prodotto alimentare, di cosmesi, di abbigliamento o per la casa, la maggior parte dei consumatori odierni si accerta che non solo il prodotto, ma soprattutto la confezione sia amica dell’ambiente. Oggi infatti circa il 70% dei consumatori è disposto a spendere di più per un prodotto eco-friendly.

D’altro canto però c’è tanta gente che non è ancora sensibilizzata al riguardo e questo non va per niente a favore dell’ambiente che pian piano si sta letteralmente deteriorando. Le soluzioni al problema ci sono e sono tante, bisogna solo metterle in pratica con piccoli accorgimenti.

Sostenibilità-come-sostituire-la-plastica

Sostenibilità, come sostituire la plastica: i materiali per il packaging green

Ridurre i rifiuti per rispettare il pianeta è dunque divenuta una necessità dati tutti i recenti disastri ambientali. Per questo è estremamente importante il packaging dei prodotti, più dei prodotti stessi. Perché il prodotto si consuma, si utilizza, il packaging generalmente si butta via.

Tra i materiali eco-friendly, quindi riciclabili e non dannosi per l’ambiente, troviamo:

Il packaging green biodegradabile e commestibile

Un dato di fatto è che tra circa trent’anni, gli oceani saranno pieni di plastica e poveri di pesci. La soluzione l’hanno trovata in Indonesia: il packaging biodegradabile e commestibile.

Si tratta di un’alga molto particolare in grado di sostituire alla perfezione la plastica. Non solo non è dannosa per l’ambiente ma è anche commestibile, ecco perché è una grande invenzione.

 

Pausa caffè: ecco perché è sempre un piacere

pausa-caffè

La pausa caffè è un piacere tutto da vivere: ecco perché!

Il caffè è la bevanda per eccellenza, ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune piante appartenenti al genere Coffea. Tra le infinite varietà di caffè, ne individuiamo due, le più famose: l’arabica che dà il nome alle miscele più pregiate e la robusta, conosciuta per il maggior contenuto di caffeina.

Possiamo dire che il caffè come nessun’altra bevanda prima d’ora, ha assolutamente stravolto le abitudini alimentari.

La tazzina di caffè infatti, rappresenta un vero e proprio rito (tipicamente italiano), risultato di un’abitudine che si è sviluppata nel tempo. Che sia a colazione, a metà mattina, dopo pranzo, da soli o in compagnia, il caffè è parte essenziale della nostra quotidianità.

pausa-caffè

I benefici del caffè

È scientificamente provato che il caffè se assunto nelle dosi giuste porta al nostro organismo numerosi benefici.

Come tutti sappiamo, tra le componenti nutrizionali del caffè, la più conosciuta è la caffeina che è dotata di numerose proprietà importanti:

  • Facilita la digestione;
  • Ha un effetto energizzante, sia a livello fisico che celebrale;
  • Favorisce il dimagrimento grazie al suo effetto anoressizzante.

 

Pensare dunque che il caffè sia una semplice bevanda è sbagliato. Oltre la caffeina, ritroviamo altre sostanze come le vitamine, il potassio e il magnesio, utili per il benessere corporeo. Infine il caffè è ricco di antiossidanti che aiutano a rallentare l’invecchiamento cellulare.

pausa-caffè

Pausa caffè

La pausa caffè è uno dei momenti più importanti della giornata, momento di condivisione, di relax e di gusto. Un break breve ma intenso a cui è davvero impossibile rinunciare. È proprio per questo che Bialetti ha creato la Mini Express, una caffettiera che eroga direttamente nella tazzina.

La moka Bialetti è dal gusto unico e corposo e con la Mini, il caffè è un piacere da vivere in coppia grazie alla presenza del doppio erogatore.

Facile e veloce, ti permette di risparmiare tempo e ottenere un caffè sempre caldo e pronto per essere servito, pensata per una pausa caffè speciale, da condividere con chi ami.